42. Puttanopoli: pornografia al governo (e anche all’opposizione).

come immaginavo, sono stato smentito subito, inutile fare sforzi di obiettività, oppure provare a credere anche solo per 5 minuti alle dichiarazioni di questa gente: neppure Bertolaso è casto, nonostante le prime intercettazioni pubblicate avessero indicato il bersaglio sbagliato.

non è Francesca, massaggiatrice di mezza età, ma una brasiliana ben più attraente, la coprotagonista che emerge dalle intercettazioni telefoniche date in pasto al pubblico beota, di cui mi onoro di fare parte: gran momento, questo, per le brasiliane di tutti i sessi possibili.

* * *

francamente non potrebbe fregarmene di meno  quanto come e con chi fa sesso Bertolaso, ma non riesco da accettare che le istituzioni italiane siano diventate un bordello in cui si offrono prostitute al posto delle tangenti.

rimpiangeremo i tempi di Craxi e Mani Pulite, accorgendoci che erano più pulite quelle dei socialisti di quelle di oggi?

dice Fini che questa non è Tangentopoli.

ha ragione: è Puttanopoli.

* * *

Berlusconi va in Albania per dire che non ha niente in contrario se gli mandano delle ragazze carine.

in bocca a un puttaniere è una istigazione alla prostituzione.

in bocca a un capo di governo straniero è un insulto sanguinoso.

non se la prendono perché oramai ha una fama mondiale di picchiatello.

ma quest’uomo deturpa tutto quello cui si avvicina,

Berlusconi: la banalizzazione del male.

* * *

e io comunque resto impressionato dalla spudorata arte della menzogna di questa gente, e ora anche di Bertolaso, che ha negato fino ad ieri: devono fargli dei corsi per svilupparla così bene, prima di nominarli: questi negano sempre e comunque, negare l’evidenza.

tanto viviamo in un mondo nel quale chi decide la verità di una notizia è la televisione, è totalmente inutile, anzi controproducente, affrettarsi a smentire i fatti.

* * *

a Bertolaso Scalfari ha fatto 10 domande domenica su Repubblica, un paio sono sembrate un poco fuori di testa anche a me: come si fa a chiedere a Bertolaso se non si è accorto che le modifiche alla legge sulla Protezione Civile e le successive ordinanze sono anticostituzionali, quando Napolitano, che è lì per bloccare le leggi anticostituzionali, non ha fiatato? un’altra domanda, quella sulle indagini giudiziarie sulla gestione dei rifiuti a Napoli, si è rivelata un autogol, perché per Bertolaso alla fine delle indagini si profila la richiesta di archiviazione per la maggior parte delle accuse.

Bertolaso gli ha risposto per filo e per segno, si è lamentato dell’abitudine tutta italiana ai processi mediatici (che danno fastidio anche a me) dando prova di vacillare solo sulla domanda sul conflitto di interessi fra l’incarico di Sottosegretario del governo e di Direttore del Dipartimento della Protezione Civile: ha negato infatti di avere la delega alla protezione civile come sottosegretario.

tanto che Scalfari a questo punto, incavolato come una biscia perchè Bertolaso gli ha fatto fare brutta figura,  gli ha chiesto a che cosa è delegato come sottosegretario.

* * *

non ci vengono lasciate molte illusioni, comunque, sul carattere bipartisan della corruzione politica italiana.

mi si dirà che è questione di misura, e a me sembra semplicemente normale che chi governa abbia più occasioni di farsi corrompere di chi non governa.

il 12, a conclusione del processo per le irregolarità di gestione dei fondi pubblici in Calabria, il Pubblico Ministero ha chiesto di condannare il Presidente della Regione Loiero a 18 mesi di carcere per abuso d’ufficio e di dichiarare colpevole il capogruppo regionale del Partito Democratico per corruzione nelle elezioni.

ognuno ha diritto alla presunzione di innocenza, ma Loiero ha vinto le primarie in un partito che si dichiara erede ddella questione morale di Berlinguer, e sarebbe doveroso che un indagato saltasse un giro fino a che la sua posizione non è chiarita: qui invece viene ricandidato uno sotto processo, vedremo se con l’appoggio o no dell’Italia dei Valori (temo quelli di borsa).

pornografia al governo? la ricandidatura di Loiero dovrebbe essere possibile guardarsela solo ai maggiori di 18 anni e in cabina privata.

* * *

intanto, in un anno le esportazioni sono crollate di più del 20% e oggi esportiamo meno che nel 1970.

ma intanto tutti ci dobbiamo occupare della pornografia al governo.

invece della pornografia della miseria, che è forse la peggiore che ci sia.

l’Italia avrebbe bisogno di un leader che guidi un rinnovamento morale.

ma temo che queste siano solo chiacchiere vane: il vero asse economico del paese è oramai l’economia malavitosa.

e questa è la pornografia della malavita, peggiore ancora di quella della miseria.

Annunci

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...