443. Alemanno, il fascista approssimativo.

58387?video=&pagefrom=1

in questo spezzone di video si vede L.C., catturato dalla polizia e spedito in Tribunale con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, suppongo.

chissà che casa aveva fatto di terribile prima e dopo il video…

il Tribunale lo ha comunque rinviato a processo, ma non lo ha ritenuto meritevole di carcerazione.

gli arresti domiciliari sono stati dati invece all’unico manifestante trovato, secondo la polizia, con due sassi in tasca.

ogni caso è stato esaminato separatamente, come doveroso, e senza forme di giustizia sommaria.

* * *

il sindaco di Roma Alemanno protesta per questo, grida forte perché questo ragazzo ed altri 21, più o meno nella sua situazione, non sono stati tenuti in carcere.

Alemanno, inconsapevole – si direbbe – che qualunque politico protesta contro la decisione di un tribunale mostra di volere una giustizia politica, asservita ad interessi di parte.

le parole di Alemanno sono piuttosto indegne, se non fossero prima di tutto RIDICOLE.

“perché i danni provocati alla città e la gravità degli scontri richiedono ben altra fermezza nel giudizio della magistratura sui presunti responsabili di questi reati”.

in poche parole, i danni sono tali che va benissimo tenere dentro anche chi forse non c’entra niente e che i giudici devono condannare i fermati anche prima di capire se c’entrano davvero, solo perchè qualcuno – ma non si sa ancora bene chi – ha fatto dei danni molto gravi.

* * *

si tratta infatti di “presunti” responsabili, anche secondo il sindaco che ha usato la parola-foglia di fico.

però subito dopo il sindaco ha aggiunto:

queste persone hanno DIMOSTRATO di essere soggetti pericolosi per la collettività.

allora mica tanto presunte, direi, anche se, invece, risultano arrestate in luoghi diversi da quelli dove si sono svolti gli scontri.

beh, speriamo che Alemanno si metta presto d’accordo con se stesso, così capiremo se è un fascista autentico ed integrale o solo un fascista approssimativo.

e quale è il grado di filofascismo vero dei romani che l’hanno eletto.

* * *

in una gara con Alemanno, persa in partenza, a chi è più ridicolo, il collettivo romano ‘Senza tregua’ ha intanto dato la sua “solidarietà ad un ragazzo di appena 16 anni”, quello che maneggiava una pala durante gli scontri, “che si è trovato suo malgrado al centro di un caso mediatico in cui giornali e televisioni non hanno fatto altro che speculare sulla sua situazione, senza alcun rispetto”.

notare, prego, il “suo malgrado”, come se fosse stata la pala a prendere lui e non lui la pala, e la mancanza di rispetto dei media per uno che, avendo sedici anni, dovrebbe essere, secondo il collettivo, considerato un demente.

* * *

tristissimo, comunque, doversi occupare di queste cose in un paese come sempre approssimativo in tutto, perfino nel fascismo e nel sovversivismo.

3 risposte a “443. Alemanno, il fascista approssimativo.

  1. CON LA PALA E CON ALTRI STRUMENTI DI OFFESA

    Arresti domiciliari per un ragazzo che girava con una pala per le strade di Roma. Forse voleva massacrare qualcuno, forse no.

    Nessuna sanzione, anzi ricchi premi e posto in alto su poltrona comoda, per il settantenne che da trent’anni massacra il cervello di milioni di italiani con le sue sei televisioni.

    • quel sedicenne ha bisogno di una severa regolata, nessun dubbio, e forse gli farà bene, data l’età e il cervello ancora malleabile.

      nessuna speranza di recupero, invece, per l’ultrasettantenne.

      per questo, suppongo, l’immunità gli è garantita, essendo lui irrecuperabile da qualunque tipo di pena gli venisse inflitta dopo l’incredibile e forse neppure concluso cursus honorum.

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...