le orecchie di Bin Laden. 248

martedì 10 maggio 2011 20:09

sono addirittura sconcertato: ho appena fatto un post per dire che aveva fatto più danno alla causa dei fascisti islamisti la foto di Bin Laden, barbone maniaco dei videogiochi, della sua stessa uccisione, che Al Khaida addirittura si è scomodata per tale video, dimostrandone con ciò stesso l’importanza, per sostenere che è falso.

e tutto questo, come?

ma è semplice! con un altro video!

68000?video

* * *

tutto questo fa capire che la storia di Bin Laden è già entrata a pieno diritto e irresistibilmente nel mondo post 1984, da cui non uscirà mai più, dominato dalla pseudo-informazione della rete, dove è quasi impossibile distinguere il vero dal falso, e forse torna buono il vecchio atteggiamento qualunquista di fregarsene totalmente e di farsi i cazzi propri, considerando quanto è penoso distinguere una notizia da una bufala.

del resto, siccome la maggior parte degli esseri umani decide qual è la verità a umor di panza, cominciando dalla verità che potrebbe essere la più importante, cioè se esiste o meno un Dio, anche l’ipotetica verità a cui si arriva vale al massimo solo per se stessi, e fino a che non ci si deve ricredere o non ci si ripensa.

comunque, in questo caso chi ha ragione? gli americani che hanno diffuso il filmato oppure Al Khaida che dice che se lo sono montati da soli, come – si fa per dire – alcuni sprovveduti continuano a pensare che anche quello dello sbarco sulla Luna del 1969 sia tutto un trucco e l’abbia invece girato Kublick con gli scarti magari di 2001, Odissea nello spazio?

* * *

al video di Al Khaida si può muovere una critica semplice e assolutamente devastante: la persona di profilo di cui vengono evidenziate le orecchie e la forma delle orbite non è affatto dimostrato che sia Bin Laden, anzi, per dirla tutta, pur visto non di tre quarti ma di un quarto solo, gli somiglia molto poco e decisamente meno dell’uomo nel video americano.

quindi è molto probabile che i veri falsari siano loro, che fanno i confronti con le orecchie di un Osama falso!

in un tentativo di chiarirmi le idee da solo, ecco comunque due diverse foto delle orecchie di Bin Laden ritagliate da due sue foto considerate autentiche:

come ben si vede, queste due orecchie non si somigliano per niente…

e adesso vediamo un orecchio del personaggio che gli americani dicono che è Bin Laden che si guarda in un nastro registrato:

diciamoci la verità: qualcuno è in grado di sostenere che questo terzo orecchio assomiglia a ciascuno degli altri due meno di quanto ciascuno di quei due assomigli all’altro?

* * *

ma Al Khaida ha già ammesso che l’uomo ucciso dagli americani era Bin Laden.

e allora? perchè la loro reazione più importante alla uccisione del loro leader e fondatore è di mettersi a disquisire sulla forma delle sue orecchie?

stanno forse cercando di dire al mondo quelli di Al Khaida, che tutto è stato una beffa, e che gli americani hanno ucciso un sosia, per permettere al vero Bin Laden di andare finalmente a godersi la vita in incognito su qualche spiaggia tropicale incontaminata e solitaria, da miliardario com’era?

magari trasportato in incognito giusto da una portaerei americana?

in ogni caso non ne veniamo fuori…

simpatizziamo segretamente per Bin Laden oppure siamo affetti da tendenziale sindrome paranoide che ci porta a vedere complotti dappertutto?

crederemo al video di Al Khaida…

ci sentiamo più vicini ai valori occidentali e a Barack Obama, se non altro perché è un pochino più democratico?

nessuno riuscirà a convincerci che quelle orecchie non si somiglino come gocce d’acqua.

* * *

viviamo in un mondo alla Orwell; come lì un Ministero della Verità rielabora quotidianamente l’informazione per intortare il pubblico.

c’è solo la differenza che nel nostro mondo i Ministeri della Verità sono diversi, e la confusione delle lingue e delle verità sta diventando insostenibile.

9 risposte a “le orecchie di Bin Laden. 248

  1. Ha ha, mando il link di questo post agli amici per far ridere anche loro.

    Sono d’accordo con te che c’è un complotto, ma per farci credere che
    che l’uccisione di Bin Laden è un falso!!
    Con me non si dovevano disturbare, c’ero arrivato da solo che è ora di balcanizzare del tutto il MO, e un pò più in là. Tocca al pakistan, tanto le truppe sono già là vicino, solo che il Pakistan ha l’atomica.

    • grazie della pubblicità ticinese, ma poi non ne ho visto passare nessuno con un commento, dei tuoi amici…

      per il resto come tutti i commentatori di ieri procedi per corti ciruciti mentali oppure io sono più opaco del solito.

      che c’entra la disperata congiura per far credere Obama vivo e vegeto, oppure la congiura congiunta dei suoi e di Osama per farlo credere morto, con la balcanizzazione del Pakistan?

      oltretutto così scomoda?

  2. mah… a me pare un semplice equivoco dovuto alla prospettiva con cui i video sono stati registrati. Bisogna valutare bene l’inclinazione della testa di Bin Laden ed eventuali capelli che coprono l’orecchio. Detto questo a me paiono perfettamente uguali.

    Il vecchietto col telecomando in mano è Osama. L’avrebbe capito anche l’ingegner Bin Laden 😀 . E pensare che voleva scappare con 500 Euro e 2 numeri di telefono… già me lo immagino dal benzinaio a pagare la benzina :mrgreen: : “Salve, sono Bin Laden… numero 3 per favore… ah si… mi dia anche una confezione di patatine, sa… stanotte mi tocca dormire in una caverna per sfuggire ai cattivi americani! Per caso ha un telefono? “.

    Mi immagino un giovane Bin Laden con 2 lauree in tasca che sceglie il “terrore”. Più ci penso più mi convinco che certi personaggi diventano “prigionieri delle proprie paure”. Come se, fatta una scelta, il cammino che ne segue sia obbligatoriamente unico. Imprigionati tra paura di fallire, gusto del potere e pazzia.

    Sta di fatto che gli Americani più cercano di distruggergli l’immagine più lo rafforzano 😀 … e pare che abbiano fatto fuori anche Gheddafi. Ma come mai in 2 settimane sono riusciti a eliminarli tutti e in 10 anni hanno inseguito pecore sui prati?

    C’è qualcosa di più grosso… ho un brutto presentimento :D… e purtroppo sbaglio poche volte 😦

    • la tua biografia di un terrorista in 5 righe è perfetta.

      basta una scelta sbagliata in un momento di rabbia e ti ritrovi che la tua vita è diventata quella di Bin Laden: ho conosciuto gente che s’era ritrovata con un ergastolo in galera e che diceva la stessa cosa: finire qui è molto più facile di quanto si immagina.

      non credo che gli americani stiano rafforzando l’immagine di Bin Laden: sono in grado di confrontare l’uccisione di Bin Laden con quella di Guevara e non c’è paragone: il fascino di Bin Laden mi sembra che potrà sopravvivere solo con difficoltà alla sua morte così poco romantica, in fondo.

      mica è stato ucciso nelle grotte sulle montagne, in fuga eroica e semisolitaria, come il Che, ma in un compound da pakistano danaroso , dove se ne stava con le mogli a giocare alla guerra virtuale, puah…

      perfino se la foto fosse falsa, la realtà di Bin Laden è più quella del miliardario maniaco che del guerrigliero generoso.

    • già… almeno è stato ucciso da un “Premio Nobel per la Pace”… era disarmato… ed è stato colpito con 2 pallottole in testa durante un’azione dinamica e al buio…

      “esecuzione” come confermato dalla CIA che aveva come unico ordine quello di ucciderlo. Può darsi che si sia suicidato… non lo escludo (anche se la figlia parlava di esecuzione).

      va bene così… tanto con Bin Laden è morto anche il Capitalismo Americano (potrei sbagliarmi)…

      • sul ruolo di Obama premio Nobel per la Pace ci siamo letti nel pensiero, però io penso che glielo ridarebbero a ragion più veduta, oggi, per averci liberato di quel criminale.

        da parte di Obama e rispetto alla mentalità di destra americana, io gli credo quando dice di avere dato l’ordine di prenderlo “vivo o morto” e non necessariamente morto: non ci guadagna molto rispetto all’elettore americano medio e alla sua mentalità da cow boy dicendo questo.

        üerò penso anche che gli esecutori erano americanio medi e abbiano interpretato l’ordine senza volere rischiare troppo e freddando il tipo al primo gesto fuorti posto: Bin Laden doveva starsene buonino buonino con le mani dietro la testa, ancorché al buio, se voleva avere la minima possibilità di cavarsela.

        comunque non piango molto: il mio rifiuto assoluto della pena di morte, come ho detto vaerie volte, vale solo in tempo di pace; in tempo di guerra la violenza riprende i suoi diritti sugli uomini e trovo ridicolo parlare di diritti umani mentre le parti si ammazzano a man salva fra loro.

        purtroppo il mio modo di pensare è molto anomalo e vagamente anticattolico anche in questo.

        non l’hai esplicitato molto e intendo il tuo ultimo spunto così, dimmi se sbaglio: togliendo Bin Laden dalla faccia della terra gli USA hanno tolto l’ultima parziale giustificazione del loro imperialisno, e adesso il re rischia di restare nudo, perchè hai voglia a spiegare che la guerra ai fondamentalisti non è finita (cosa peraltro vera).

        sai quale sarebbe la cosda più tremenda per Obama e che gli farebbe certamente perdere le elezioni? un grosso attentato jahidista a ridosso delle votazioni per la presidenza del novembre 2012, e certamente ce la metteranno tutta per farcela.

        se dovessero riuscirci prepariamoci a qualche Berlusconi americano…

        però con questo, come vedi, non sto affatto prevedendo la morte immediata del capitalismo americano, bensì solo il suo incattivimento.

        e poi, dovesse anche morire questo, ci resta pur sempre quello cinese, non trovi?

      • Partiamo dal presupposto che non intendo condannare Obama, dico solo che poteva pensarci un po’ di più prima di agire. Ormai quel ch’è fatto è fatto… va bene così…

        Berlusconi americano? … già me lo immagino… in versione “abbronzato” 😀

        Togliendo Bin Laden hanno eliminato il bersaglio preferito degli americani. Attualmente Obama è imbattibile con oltre 60% del consenso, però vi sono poche speranze che duri fino alle prossime elezioni del 2012. Se non propone passatempi alternativi, presto la popolazione americana si annoierà e Obama sarà in difficoltà.

        Il Capitalismo Americano (rientra anche l’Europa nella categoria) è in una situazione non molto rosea. Spesso qualche tizio si sveglia e dichiara che stiamo uscendo dalla Crisi… ma io non ho ancora capito cosa abbiamo fatto di rivoluzionario per uscirci… debiti ne abbiamo di più… lavoro sempre di meno… prezzi sempre più alti (soprattutto energetici)… e stiamo tenendo in vita guerre spesso inutili (per interesse di qualcuno)…

        Bin Laden è sono un simbolo di un periodo storico di decadenza… per distruggersi d’ora in poi gli americani faranno da soli…

        I Cinesi per ora sono occupati a far concorrenza agli americani, quindi meglio non disturbarli più di tanto 😀 . Quello che io mi aspetto è un Europa che si alza in piedi e si esprime pensando con la propria testa. Dobbiamo imparare ad essere più indipendenti… forse…

        • ma no, un Berlusconi “abbronzato” è una contraddizion in termini: si può avere solo un Berlusconi col fondotinta e il cerone…

          il 60% di consensi di Obama non dura, e potrebbe esserci (ripeto) qualche attentato preelettorale, per farlo fuori; del resto gli integralisti preferisocno un fascista americano al potere che un democratico – è storia vecchia, questa.

          se si pensa alla crisi dell’economia occidentale (questa crisi è molto concentrata in questa zona del mondo e non tocca né Cina né India), la si può riassumere in uno slogan: produciamo quel che producono oramai anche gli altri, ma la nostra manodopera costa 10 volte tanto.

          unica soluzione (forse): l’impoverimento.

          non credo che le guerre che si stanno facendo siano inutili, sono la mossa disperata per tenersi almeno le materie prime; tanti che fanno gli schifiltosi sono solo portatori di falsa coscienza, e si permettono il lusso della coscienza pulita (credono) senza ridiscutere i loro lussi.

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...