i miei occhi lontani sull’incidente aereo in Nepal. – 484

28 settembre 2012 venerdì  21:53
.
che dire se un aereo turistico nel Nepal cade stamattina per essersi scontrato con un’aquila e io vengo a saperlo quasi in diretta, via chat, da un amico nepalese che stava facendo footing proprio lì?
Santosh:  Ciao, come stai?
io:              ciao. sto bene, solo un poco affaticato dal mio lavoro; e tu?
Santosh:  Abbiamo cattive notizie qui. Un aeroplano pieno di turisti italiani è caduto stamattina. Ho visto l’incidente e mi è dispiaciuto moltissimo per non averli potuti aiutare.
io:              sì?
Santosh:  Sì, stavano volando a Lukla, al campo base dell’Everest.
io:              sei in Nepal adesso????
Santosh:  Sì, sono in Nepal.
io:              pensavo che tu fossi in Norvegia.
Santosh: Ero lì tempo fa. ma sono dovuto tornare quando il mio visto è scaduto.
io:              oh, mi dispiace per te. niente Italia, allora.
ho conosciuto Santosh a Kathmandù nel 2008, un ragazzo aperto dalla mentalità laica; abbiamo camminato assieme nei dintorni della capitale per alcuni giorni chiacchierando; sei mesi va è venuto in Europa con un lavoro di stalliere in Norvegia; mi ha scritto un mese fa per vedere se poteva evitare l’enorme spesa di tornare in Nepal e gli avevo proposto di venire a stare a casa mia per un po’, consigliandogli di informarsi all’ambasciata di Oslo come fare; evidentemente qualcosa è andato storto.
io:              ma dov’è dove è caduto l’aereo?? vicino al tempio di Pashupatinath?
e alla fine di quest’altro video si vede proprio l’ingresso all’aeroporto di Kathmandù
Santosh: Erano tutti 19 turisti italiani: sono morti nell’incidente vicino all’aeroporto di  Kathmandù questa mattina…
 io:            ma ho letto che gli italiani non sono arrivati in tempo e che si sono salvati.
Santosh: No, le notizie qui dicono che tutti i turisti erano un gruppo di italiani che andavano al campo base dell’Everest…
io:             non c’erano italiani a bordo, Santosh. erano in ritardo e hanno avuto una grossa fortuna.
Santosh:  Oh sì, è stata una grande fortuna per loro. Ma si diceva che 19 italiani, come si supponeva, viaggiassero proprio in quell’aereo…
io:              in che posto vicino all’aeroporto? a sud, a nord, a est, a ovest? mi ricordo molto bene il luogo.
Santosh: a est dell’aeroporto internazionale di Kathmandù, vicino al posto chiamato Bhaktapur…
io:             vicino a Bakhtapur? my god
Bakhtapur, la Siena del Nepal, è una delle città più belle del mondo, ed era lì che io volevo andare a vivere qualche anno fa…
Santosh:  certo ero lì, per la mia passeggiata del mattino.
io:           penso che sia stato terribile per te, e non solo per la gente che è morta…, avevi la tua camera con te??
Santosh: Ero lì per camminare e non avevo la macchina fotografica, però ho preso delle foto col cellulare.
io:             oh, puoi mandarmene qualcuna?
Santosh: Ok. Proverò.
io:             grazie mille!  le userò per il mio blog e le metterò nel web.
Santosh:Facebook
io:             sì, ma questa foto io l’ho già vista sui giornali italiani. penso che sia troppo difficile per te mandarmi le foto che hai preso col cellulare.
Santosh: Certo, proverò a trovarne qualcuna di più e a mandartela più tardi.
io:             ok santosh, ti ringrazio. che ore sono in Nepal adesso?
oh eccolo il fiume che sta tra Bakhtapur e Kathmandù, a un chilometro dall’aeroporto.
ci arrivai il giorno dello sciopero generale insurrezionale dei maoisti, quando accompagnai a piedi un altro amico, Yudop, il giovane guerrigliero, da Bakhtapur a Kathmandù e poi me ne ritornai alla città a 19 km dalla capitale.
era così il fiume quel giorno:
io:           oh, queste foto sono nuove per me! sono io che ti dico prego, Santosh.
                 arrivederci a più tardi, amico mio.
Santosh è fuori linea, riceverà questo messaggio più tardi.
Santosh oggi 29 settembre mi ha mandato un’altra foto, quella di apertura, e un link ad un video su You Tube, che è quello qui sopra…

18 risposte a “i miei occhi lontani sull’incidente aereo in Nepal. – 484

  1. la fase di decollo è la più critica per quel che riguarda l’impatto con volatili. Però il Dornier 228-202K è un bimotore, allo stesso tempo un’aquila è proprio il peggio che possa capitare. Però con un motore l’aereo dovrebbe essere in grado di decollare. Il pilota potrebbe aver preso la decisione sbagliata 😦

      • ne avevo lasciato uno… che ora ho sistemato. Però non era solo quello, diciamo che mi sono preso un momento di riflessione.

        devo dire che appena ho letto dell’accaduto mi è venuto in mente un incidente, sempre in ambito di bird-strike, in cui a causa del distacco di un cavetto che dava indicazioni sulle condizioni del motore il pilota aveva spostato la leva di uno dei motori sul minimo non sapendo che il motore in parte funzionava ancora.
        Però in quel caso c’era stato un bird-strike su entrambi i motori. Per quello trovavo strano che non sia riuscito a salire con un motore solo visto che era stato colpito un solo motore.

        stavo cercando informazioni sulla dinamica dell’incidente e a quanto pare il pilota ha tentato una manovra stretta pur non avendo l’altezza e la potenza dei motori necessaria.
        http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2012/09/29/Nepal-errore-pilota-causa-disastro-aereo_7550094.html
        mi ricordo un altro indicente in cui un aereo aveva perso un motore in fase di decollo. In quel caso era stato danneggiato il sistema delle superfici di controllo della parte sinistra dell’aeroplano. Anche in quel caso l’aereo era andato a virare (fuori controllo) e poi a schiantarsi al suolo.
        mi sembra strano che un pilota possa sbagliare e virare senza considerare alcuni fattori. Magari è andato in panico e ha provato a tornare verso la pista. Oppure l’aquila potrebbe aver danneggiato i controlli (non solo il motore). Che poi dalle foto l’aereo Dornier non mi sembra molto solido.
        Però resto dell’idea che con un motore sarebbe dovuto riuscire a salire a meno che non abbia avuto problemi ai controlli.

        • ma non è che, quando rimane con un motore solo, l’aereo tende naturalmente a virare e poi danno la colpa ai piloti?

          anche la mia macchina, se restasse con una ruota sola funzionante davanti, virerebbe dalla parte della ruota bloccata…

          guarda te se non sono fortunato io: dopo il testimone oculare, anche l’ingegnere aeronautico per spiegarmi la dinamica dell’incidente! 🙂

          • aspirante ing. aerospaziale, anche perché il grosso della preparazione dovrebbe arrivare da quest’anno in poi… se i venti saranno favorevoli 🙂

            non sbagli. Se viene spento un motore il movimento naturale dell’aereo è quello lasciare indietro il motore spento (una imbardata)
            http://it.wikipedia.org/wiki/Pilotaggio_degli_aeroplani
            Il pilota dovrà quindi compensare l’imbardata agendo sui comandi nella direzione contraria. In questo modo l’aereo potrà continuare la fase di salita. Di solito nell’addestramento dei piloti si fa particolarmente attenzione al volo con un solo motore in fase di decollo-atterraggio. Raggiunta una certa quota di sicurezza il pilota dovrà regolare i compensatori (Trim) di tipo meccanico oppure elettronico.
            http://it.wikipedia.org/wiki/Compensatore_(aeronautica)
            Questo per dire all’aereo… guarda… la tua nuova posizione di equilibrio è questa, per non far sforzare il pilota a tirare a cloche dalla stessa parte per mezz’ora. Si svuotano i serbatoi nell’aria (inquinando alla grande) e si atterrà sempre con un solo motore.

            Di fatto però i giornalisti parlano di una virata. Cioè si deve far ruotare l’aereo (rollio) e cabrare (salire) leggermente perché il rollio porta a una leggera perdita di portanza. Ed è probabile che sia successo proprio questo. Il pilota deve aver tentato una virata per tornare verso la pista (oppure c’è stato qualche ritardo nel correggere la condizione dell’aereo). Purtroppo la velocità troppo bassa associata alla perdita di portanza dovuta al rollio deve aver portato l’aereo in stallo (perdita diffusa di portanza e dei controlli di volo).

            E comunque ci sta anche l’errore del pilota. Il tutto succede in 1-2 minuti con decine di luci di vari colori che suonato da tutte le parti, vibrazioni dovute ai danni del motore. E’ fondamentale che il pilota in questi casi resti calmo e che riesca a capire benissimo la situazione dell’aeromobile. Se di virata si è trattato il pilota del Dornier potrebbe non aver capito l’entità del danno al motore… e quando l’ha capito probabilmente era troppo tardi 😦

    • me l’avevi chiesto 😀
      personalmente non muoverei un dito… tanto chi si permette un Cessna è abbastanza ricco da poter badare a se stesso 😆

      • beh, parlando di diffondere non pensavo esattamente di parlarne con un’agenzia che sta facendo un’indagine e presso la quale dovrei piuttosto cercare delle notizie…

        e poi, se non lo fai tu che sei un esperto, gli stessi motivi valgono a maggior ragione per me!

        • in fondo… come disse un mio professore a proposito del nuovo Boeing ” Non saliteci per i prossimi 10 anni se non volete essere i primi cadaveri” (ma non perché ci sia qualcosa che non va 😀 ). Se mai ti proporranno di salire su un Cessna di quel tipo… tu zitto zitto dì loro che preferisci il treno 😆

          • guarda, con le mie difficoltà di memorizzazione 😉 non voglio rischi, a me basta che sia un Cessna per dir di no.

            del resto non è un piccolo aereo per voli semiprivati? non ci sarei salito neppure prima.

            anche in Myanmar sette mesi fa mi sono sempre fatto dei viaggi di 16-18 ore in treno o in pullman piuttosto che prendere quei piccoli per me inaffidabilissimi aerei locali… 😉

  2. Pingback: il mio Nepal: la distruzione di Kathmandu` – 188. | Cor-pus·

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...