internet in pericolo alla Conferenza Mondiale di Dubai, 3 dicembre. – 579

30 novembre 2012 venerdì 04:23

.

mauro,

Internet, come la conosciamo, è in pericolo.

Il 3 dicembre la neutralità e la libertà di internet potrebbe andare perduta: comincia infatti la Conferenza mondiale sulla telecomunicazione internazionale a Dubai.

L’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU), una agenzia specializzata delle Nazioni Unite, tratterà a porte chiuse l’utilizzo mondiale di internet assieme ai ministeri delle telecomunicazioni di 193 paesi. Potrebbero essere prese decisioni che permettano ai governi di limitare l’accesso a internet nei loro paesi e potenziare le forme di controllo on line.

Questa e-Mail è un po’ lunga, ma il tema è complesso: ti prego, ciononostante, di prenderti tre minuti per leggerla.

Il tema della libertà di internet appartiene a tutti i cittadini e a tutte le cittadine.

.

sto traducendo dal tedesco una mail intitolata “Giù le mani da internet”, che ho ricevuto da change.org, un sito al quale mi sono abbonato nella versione tedesca, specializzato nella diffusione di appelli dei cittadini.

naturalmente quando sono arrivato qui, “a tutti i cittadini e a tutte le cittadine”, mi sono reso conto che questa espressione tipicamente tedesca, con la rigorosa differenziazione di genere, non è propriamente traducibile in italiano, paese maschilista anche nella lingua, che girandola tutta al maschile,  “a tutti i cittadini”, ma ho consapevolmente deciso di non farlo, e di mantenere l’impianto tedesco, anche se in Italiano risulta un po’ rigido e grottesco.

Per questo la Federazione Internazionale dei Sindacati che presiedo ha avviato una petizione per via elettronica su Change.org, nella quale chiediamo al Segretario Generale dell’IFU, il Dr. Hamadoun Touré, di bloccare l’attuale processo e di organizzare una discussione trasparente.

Infatti un’internet sotto il controllo di stati e aziende contraddice quel per cui esiste la rete, un accesso aperto e libero per tutti.

Il tempo incalza: nelle prossime 72 ore dobbiamo rendere chiaro che non assisteremo inerti se il nostro diritto ad una comunicazione senza limitazioni verrà sepolto.

Sottoscrivi adesso la nostra petizione e poni una firma per la libertà di internet.

chi intende sottoscrivere questo appello può cliccare qui e arriverà alla traduzione automatica di un testo simile a quello della mail ricevuta, che qui sto traducendo personalmente un po’ meglio.

Concretamente i ministeri per le telecomunicazioni stanno discutendo sull’introduzione mondiale di sistemi di sorveglianza della comunicazione in internet di ogni individuo; in discussione sono anche imposte sulla trasmissione dei dati.

Quotidianamente vengono resi noti nuovi inquietanti dettagli delle proposte di trattato presentate da paesi come la Cina, la Russia o l’Arabia Saudita.

Sotto la copertura della lotta alla criminalità nella rete, per esempio, gli internetprovider dovrebbero identificare l’origine di ogni pacchetto di dati che passa attraverso i loro servizi di trasmissione. Un “veicolo” che invita ad abusi e permette di censurare contenuti sgraditi e di identificare avversari politici.

Queste nuove regole sarebbero devastanti non solo per le persone che vivono nei paesi più poveri  o per chi vive sotto dittature.

La nostra concreta critica alla Agenzia dell’ONU: l’attuale processo è segretato ed esclude dal dialogo attori importanti: naturalmente esiste un bisogno di chiarificazione su molti temi legati ad internet, ma non così.

I responsabili devono sapere che migliaia di cittadini e cittadine in tutto il mondo seguono attentamente le trattative e non accetteranno che la libertà di internet venga sacrificata agli interessi di aziende e singoli stati: abbiamo bisogno di un processo condiviso e trasparente in cui vengano ascoltate anche le persone.

Non è ancora troppo tardi.

Sottoscrivi la nostra petizione e firma per la libertà di internet; noi cercheremo di trasmette tutte le sottoscrizioni al Sgretario Generale Dr. Hamadoun Touré.

Mille grazie per il tuo appoggio.

Michael Sommer

Presidente della Lega Internazionalen dei Sindacati (IGB) und della Federazione dei Sindacati tedeschi (DGB)

.

P.S.: Per favore, gira questa mail ad amici e conoscenti.

ecco fatto.

Una risposta a “internet in pericolo alla Conferenza Mondiale di Dubai, 3 dicembre. – 579

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...