129. il deplorevole appoggio di Napolitano a Berlusconi.

il presidente Napolitano si sta ormai muovendo da qualche tempo ai margini della Costituzione.

per fortuna rimane ancora solo un paio di mesi, anche se sta cercando di fare tutto il danno possibile.

ha appena dichiarato:

È comprensibile la preoccupazione dello schieramento che è risultato secondo, a breve distanza dal primo, nelle elezioni del 24 febbraio, di veder garantito che il suo leader possa partecipare adeguatamente alla complessa fase politico-istituzionale già in pieno svolgimento, che si proietterà fino alla seconda metà del prossimo mese di aprile.

lo ha detto al Consiglio Superiore della Magistratura.

ma sta parlando ai giudici?

no, sta parlando al prossimo Parlamento, che non gli piace, non è uscito dalle urne come lui voleva.

ed è qui, se questa interpretazione è giusta, che sta violando la Costituzione nella sostanza, che non gli assegna un ruolo di guida politica del Parlamento.

* * *

Napolitano ha imposto un’uscita dal berlusconismo attraverso Monti, che è durato poi quasi un anno e mezzo, con tutti i guasti di una politica di destra nel piano dei diritti civili, della politica estera, della concezione dello stato.

pareva l’unica strada non traumatica per ottenere il risultato, senza vedere collassare lo stato, e molti (me compreso) l’hanno accettata per questo; c’è stata una sostanziale condivisione della scelta, anche se il consenso è via via caduto quando si è verificata la sostanza ideologica di destra del governo, ed è crollato al 10% quando Monti ha cercato di salvare la destra italiana presentandosi alle elezioni per liberarla dall’abbraccio mortale con Berlusconi.

ma la destra ha preferito suicidarsi con lui, nel sogno, mancato per un soffio, di vincere ancora una volta la partita sotto la sua guida.

Napolitano oggi vorrebbe veder continuare lo squilibrato compromesso fra Berlusconi e il Partito Democratico (squilibrato in tutti i sensi): dopotutto è lo schema politico reale degli ultimi vent’anni.

purtroppo per lui, il Parlamento e gli italiani non sono oggi come lui vorrebbe.

* * *

sarà anche vero che Berlusconi è arrivato alle elezioni ad un soffio come secondo dalla coalizione di Bersani, ma rimane il fatto che il 70% di questo parlamento è antiberlusconiano.

quindi Napolitano sta dicendo al parlamento e non ai giudici che a Berlusconi va garantito di continuare a fare politica, nel modo inquinato in cui lo ha fatto: gli va garantito di potere continuare a corrompere, comperare deputati, far dichiarare a un parlamento succube che Ruby era la nipote di Mubarak.

non ci si può liberare di lui per via giudiziaria, dice Napolitano, ma neppure per via parlamentare, sottintende Napolitano.

nessuno si sogni di applicare la legge con Berlusconi, di trattarlo come un normale cittadino, di sottoporlo a processo come chiunque altro sia sospettato di avere violato la legge, né soprattutto di condannarlo.

oppure di escluderlo dal parlamento in base alla vigente legge elettorale come concessionario statale, dato che lui ha sempre imposto ad un Partito Democratico succube di fare finta che questa legge non esista.

Napolitano interviene per dire al suo partito, che sta – speriamo – per tradirlo, che non può permettersi di farlo.

e gli spiega anche perché.

* * *

Berlusconi non può essere sottoposto alla legge, dice Napolitano, come se fosse un qualunque marò che ammazza in India.

perché Berlusconi non è un comune cittadino, è un politico e i politici non possono essere sottoposti alla legge comune.

a questo punto le flebili parole di critica che Napolitano aveva pronunciato stamattina sull’occupazione del Tribunale di Milano da parte di un centinaio di deputati PdL di Berlusconi con velleità squadriste (neppure tutti: la Carfagna è rimasta a fare shopping a  Roma, per esempio) cominciano ad apparire dei sottili farfugliati distinguo, che non rispecchiano più la coscienza comune.

* * *

presidente Napolitano, la gente comune si chiede come avrebbe reagito la polizia se ad occupare il tribunale fossero stati degli indignados o dei ragazzi dei centri sociali.

e si chiede semplicemente perché quei facinorosi che sono entrati in tribunale per impedirne il funzionamento non siano stati presi a democratiche manganellate dalla polizia.

gli italiani sono stanchi, presidente Napolitano, e la situazione sta diventando rivoluzionaria ed esplosiva.

ma Lei non lo sa, non lo sente, i Suoi consiglieri sembrano altrettanto lontani dagli umori popolari ed attenti solo a quelli dei palazzi.

* * *

la Sua visione della politica, Presidente, è datata, superata dai fatti, che stanno prendendo una piega imprevista, che è quella del crollo dei sistemi politici, e che abbiamo già visto vent’anni fa, quando è crollata la prima repubblica, ed ora sta crollando la seconda.

se il Partito Democratico La seguisse, presidente, si condannerebbe all’autodistruzione.

per fortuna questo Bersani lo sente e non La segue.

ma Lei non lavori contro il partito da cui viene, perché se i deputati democratici non firmano per escludere Berlusconi dal parlamento, il Partito Democratico è finito.

5 risposte a “129. il deplorevole appoggio di Napolitano a Berlusconi.

  1. qui si gioca senza rete, non è più tutto finto come prima, e se lo capisci in fretta ti salvi, o diventi il passato.
    e ce ne n’è tanti in rampa di lancio, penso, ma non lo dico, a tutta la classe dirigente del PD che non ne azzecca una che è una da una vita.
    tralascio il PDL, che è già morto e non li sa, citerei il blog di Grillo quando dice che quel partito è attaccato a un salvagente di marmo.
    il PD, se vuole contare qualcosa in futuro, deve fare quello che non ha mai fatto prima, escludere Berlusconi dal Parlamento.
    se succederà tutti dovremo ringraziare il M5S, meglio, tutti quelli che l’hanno votato.

    • purtroppo trovo più vitale in termini antropologici la destra italiana, che ha una lunghissima tradizione storica, che la sinistra democratica, debole e confusa perché troppo minoritaria.

      se si arriverà all’esclusione di Berlusconi dalla Camera (che, ripeto, non gli impedirà certo di continuare a fare politica, ma gli toglierà soltanto l’immunità) su questo bisognerà davvero ringraziare chi ha votato Grillo, perché mi spiace dirlo, ma sono sicuro che il PD da solo non ci sarebbe mai arrivato e dubito tuttora che ci sappia arrivare anche incoraggiato e in compagnia…

  2. ovviamente quanto fatto dal PDL a Milano è inqualificabile, ennesima somma prova dell’inciviltà politica di questa destra e degli scopi personalissimi della partecipazione di Berlusconi.

    comunque, mi sentirei di leggere la dichiarazione di Napolitano come se contenesse -implicito- l’inciso “nel rispetto della legge”, non mi pare credibile che un Presidente della Repubblica inviti esplicitamente a violarne le norme.
    un’ “interpretazione adeguatrice”, se vuoi, ma l’unica legittimamente possibile

    • questa volta, caro red, dissentiamo senza se e senza ma ;).

      Napolitano ha poi addirittura scritto a Repubblica contro interpretazioni delle sue parole simili a quelle date da me, ma sono le uniche interpretazioni possibili, se Napolitano dice ai giudici che ritiene comprensibile che Berlusconi tema che i giudici vogliano impedirgli di fare politica.

      il Presidente della Repubblica ha costituzionalmente un ruolo di rappresentanza della magistratura, mentre non ha un ruolo di rappresentanza dei parlamentari, che spetta invece ai presidenti di Camera e Senato.

      deve difendere i magistrati dagli attacchi dei politici, non aiutare i politici ad attaccare i magistrati; se questo dovesse occorrere, spetta ad altri farlo.

      queste dichiarazioni sono al confine dell’attentato alla costituzione e dell’alto tradimento, secondo me.

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...