203. il peggiore 25 aprile mai visto.

dice il nostro Presidente di prendere esempio dalla Resistenza.

l’ho sempre fatto, grazie.

dice di prendere esempio dal coraggio di chi l’ha fatta.

in effetti ce ne vuole, grazie dell’incoraggiamento: spero di avere il coraggio di continuare a resistere.

dice di prendere esempio dall’unita’ che si e’ espressa nella Resistenza.

e qui mi viene il voltastomaco: stai a vedere che adesso la Resistenza diventa un esempio di unita’ tra fascisti ed antifascisti.

noi abbiamo bisogno di esempi di unita’ degli antiberlusconiani soltanto.

ma allora il primo che tradisce la Resistenza e’ Napolitano.

l’unita’ con l’illegalita’ fatta sistema si chiama mafia.

credo che questo sia il mio ultimo post di politica.

perche’ quando un presidente della repubblica smette di rappresentare l’unita’ della nazione e invece si fa capo della banda trasversale del malaffare in politica, allora io pretendo di criticarlo.

ma non lo posso fare.

perche’ lui e’ ancora il presidente della repubblica, che non e’ responsabile politicamente, e io non posso dire quello che penso della sua linea politica.

di processi per vilipendio in corte d’assise ne ho gia’ avuto uno dopo il 68 e mi basta.

siamo in una repubblica parlamentare che e’ diventata presidenziale.

abbiamo un Partito Democratico che e’ la negazione della democrazia, prima di tutto al suo interno.

che butta fuori chi dovrebbe tenere dentro, a cominciare dagli elettori.

e tiene dentro chi dovrebbe buttare fuori.

e io devo stare ancora qui a parlare di politica?

22 risposte a “203. il peggiore 25 aprile mai visto.

  1. Caro Bortocal

    Ti racconto questo 25 aprile più da vicino…

    Èccoti 4 scene poco edificanti, esemplificative del “Nuovo Corso” della italiana, ovvero la “Grande Ammucchiata” di ex comunisti, ex fascisti e ex democristiani.

    1a scena: ieri, 24 Aprile: Giuliano Amato in visita al Vittoriale di D’Annunzio, alla mostra su Machiavelli. Chissà chi avrà avuto la bella pensata di celebrare lo spirito laico di Machiavelli proprio dentro al tempio dannunziano…Non c’erano altri posti ?

    2a scena: oggi Il Presidente PD della Regione Lazio Zingaretti e il Segretario PD Lazio Enrico Gasparra rendono omaggio alla memoria del fascista Teodoro Bontempo, scomparso da qualche giorno, unendosi nel compianto a: Francesco Storace, Alessandra Mussolini, Maurizio Gasparri, Giorgia Meloni, Angelino Alfano, Renata Polverini.

    3a scena: Berlusconi anziché celebrare la Festa della Liberazione in Italia, se ne va in Texas, alla cerimonia di inaugurazione del museo-biblioteca dedicato all’amico Geogre W. Bush (proprio lui), insieme a Tony Blair, Ehud Olmert e Josè Maria Aznar. Seve dare una rilucidata alla sua immagine di “statista” di carattere internazionale, dopo le “magre” fatte con Obama e la Merkel (es. a Cannes).

    4a scena: La probabile nuova “Junta” denominata “Letta&Letta”, in via di realizzazione a Palazzo Chigi (riporto da Il Sole 24 Ore):

    Al Welfare potrebbe arrrivare l’esperto di diritto del lavoro Carlo Dell’Aringa del Pd (ma si parla anche di Sergio Chiamparino). Uno dei due vicepremier dovrebbe essere del Pdl: o Angelino Alfano o Renato Schifani o, ancora, Gianni Letta. L’ex saggio ed esponente di Scelta civica Mario Mauro potrebbe diventare ministro dell’Istruzione. Il presidente del Consiglio Mario Monti potrebbe ricoprire il ruolo di ministro degli Esteri (circolano anche i nomi di Massimo D’Alema e del ministro del governo Monti Enzo Moavero Milanesi). L’esponente renziano, Graziano Delrio potrebbe ricoprire il ruolo di ministro per gli Affari regionali e la coesione territoriale.

    Due altri componenti dei gruppi di lavoro messi in campo dal Presidente della Repubblica, Gaetano Quagliariello (Pdl) e Luciano Violante (Pd) potrebbero diventare, rispettivamente, responsabile del ministero dei rapporti con il Parlamento e delle riforme istituzionali e responsabile della Giustizia.

    Riepilogando, la “squadra” sarebbe:

    Letta nipote premier;
    Letta zio vice premier;
    Il democristiano Mauro all’Istruzione (mai che mollino questo Ministero !)
    Monti agli Esteri (meglio mandarlo un po’ in giro…)
    Quagliariello alle Riforme istituzionali (gosh !!)
    Violante alla Giustizia (ottimo per parare il culo a chi sappiamo)

    E tanti saluti al popolo bue..

    Bon voyage…Bortocal

    L’Italia che troverai al tuo ritorno sarà persino peggiore, se possibile, di quella che hai lasciato.

    • caro Luca, nessun dubbio che questo sara’ il peggiore dei governi possiibili.

      e non lo dico per pregiudizio ideologico, ma perche’ rimette al potere esattamente il blocco politico sociale che ha distrutto il paese.

      non e’ per nostaglia del comunismo o per grillismo mal mascheratro che male mi appartiene che dico queste cose.

      il quadro che mi tracci davanti e’ davvero desolante, penso che alla fine potrebbe anche risultare peggiore.

      mi spiace solo una cosa: che avevo giurato a me stesso che se fosse tornata ministro della PI la Gelmini sarei andato in pensione all’istante.

      peccato per Profumo, che e’ stato un ottimo ministro (per quel che ha potuto fare), ma non avevo dubbi che sarebbe stato uno dei primi ad essere fatto fuori.

      sotto una rinnovata guida democristiana la scuola italiana continuera’ dolcemente ad affondare senza sussulti.

      pero’ ho dato un’occhiata a Repubblica e mantengo perfino un filo di assurda speranza che questo aborto peraltro poco vitale non veda la luce…

  2. Hi, Bortocal.
    Ti aggiorno sul governo nuovo di zecca che ci ha rifilato nonno Napolitano, con la complicità di Bersani e Letta & Letta (nipote e zio).

    Permettimi di ripostare un mio commento che ho inserito anche in MicroMega Blog:

    Il governo a base democristiana di Letta non è la catastrofe che avrebbe potuto essere: immaginate la Gelmini all’Istruzione o La Russa alla Difesa o il Berlusca agli Esteri…

    Si tratta di una struttura di Governo centrata sulla nuova DC, con i lettiani a sx, i montiani al centro e CL (Lupi; Mauro) e PDL a dx.

    Ho provato a suddividere questro strano animale nelle varie aree di provenienza dei vari ministri:

    # DC di dx: area PDL
    Alfano (PDL, neo-DC) vice-premier
    De Girolamo -> Politiche Agricole (moglie di F. Boccia, deputato PD)
    Lupi (CL) -> Infrastrutture
    Lorenzin (PDL) -> Salute
    Quagliariello (PDL) -> Affari Costituzionali

    # DC di centro: Montiani & UDC:
    Mauro (CL) -> Difesa
    Moavero -> Affari europei
    Patroni Griffi -> Sottosegr. Presid. d. Cons.
    D’Alia (UDC) -> Semplificazione

    # DC di sx: Lettiani
    Letta nipote (nipote di “Letta zio”) -> Presidente del Consiglio
    Franceschini -> Rapporti col Parlamento
    Bray -> Beni Culturali
    Carrozza -> Università e Ricerca

    # PD (area ex DS):
    Del Rio -> Affari Regionali
    Iosefa Idem -> Pari Opportunità
    Zanonato -> Sviluppo Economico
    Kyvenge -> Integrazione

    # Dalemiani:
    Trigilia -> Coesione Territoriale

    # Indipendenti
    Bonino -> Esteri
    Cancellieri -> Giustizia
    Saccomanni -> Economia
    Giovannini -> Lavoro

    Nota 1: notare come il PD (quello che vorrebbe essere di sx) occupi solo posizioni marginali.

    Nota 2: notare le parentele transpartitiche: Di Girolamo (PDL) – Boccia (PD); Letta nipote (PD) – Letta zio (PDL).

    Ripeto: non è un governo vomitevole: è la resurrezione della DC, l’ultimo capolavoro (ancora incompreso) lasciatoci in eredità dalla Segreteria Bersani.

    La Bonino, come antidoto anticlericale, mi rincuora un pochino.
    Temo però che la spediranno in giro per il mondo, così che non avrà né modo né tempo di immischiarsi nei loro impenetrabili traffici con la Curia d’Oltretevere.

    Come diceva Montanelli con la DC d’antan: “Basta solo turarsi un po’ il naso”.

    Però il vecchio Indro dimenticava di avvertirci che con i democristiani, se con una mano dovevamo turarci il naso, con l’altra mano avremmo dovuto pararci anche da dietro…

    Attenzione ai nuovi DC riunificati da Bersani: gli scherzi da preti sono i più feroci…

    Per questo si chiamano così, perché te li fanno quando tu da costoro non te li aspetteresti mai.

    Uomo avvisato, mezzo salvato…

    • connessione pessima, la risposta di ieri non e’ partita.
      telegrafico di necessuta’: la Bonino agli esteri e’ pessima, perche’ filoisraeliana.
      Bersani non e’complice ma la vittima da tempo predestinata: possiamo dire che non ha le palle, pero’

      • Si può iniziare con l’essere complici e finire per diventare vittime, però.

        Non era forse Bersani che prima delle elezioni di febbraio voleva l’alleanza con i DC di Monti & Casini ?
        Ma forse hai ragione, quello era un altro Bersani.

        Quello che correva dietro a Grillo sarà stato un sosia…

        Poi però è ritornato in scena il primo Bersani, quello filo-DC, per implorare Napolitano di restare e fare da tutore al Governo Letta & Letta.

        Io direi per il povero Bersani abbiamo a che fare con un caso manifesto di sdoppiamento della personalità…

        • Rettifico: manca il “che”:

          Io direi che per il povero Bersani abbiamo a che fare con un caso manifesto di sdoppiamento della personalità…

          • che Bersani non sia un grande leader non c’e’ bisogno di grandi parole per spiegarlo, chi l’ha messo li’, del resto, lo sapeva benissimo e lo ha messo li’ proprio per questo.

            a me pare he Bersani abbi sepre rifiutato fino a che ha potut di fare un governo con Berlusconi, come aveva promesso agli elettori.

            poi si e’ messo da parte e lo ha lasciato fare a qualcun altro: pnsava di potere governare con Monti, quando ha visto che i numeri non c’erano, ha proto con Grillo, che la le responsabilita’ maggiori di queso stato di cose.

            io a Bersani l’onore delle armi personalmente mi sent di renderglielo.

            e a nessun di quel suo partito informe, che ha sepolto anche lui, sia chiaro.

            ora, prima il Partito Demcratico si dissolve e meglio e’.

  3. io sui festeggiamenti del 25 aprile voglio fare solo un amaro commenti..:

    in tutte le manifestazioni ho solo visto tante bandiere rosse,qualche tricolore e nessuna,dico nessuna bandiera a stelle e strisce.

    che vergogna…ma possibile che c’e’ qualcuno che lucidamente pensa che senza il sacrificio di tanti giovani americani si poteva vincere da soli contro panzer,stukas e contro la determinazione di un esercito come quello tedesco…???

    • @Edoardo
      Una volta tanto siamo d’accordo.
      Ma il fatto che senza gli Alleati non avremmo mai avuto la Liberazione (sei forse dispiaciuto che sia andata così ?) , ciò non vuol dire che chi ha messo in gioco tutto per la democrazia (i partigiani non erano tutti filosovietici, anzi …) non debba essere onorato e ricordato.
      Per i morti della Repubblica Sociale, un regime criminale filonazista, invece, nessun onore da parte dei veri democratici.
      Checché ne dica quell’opportunista di Violante..

      Purtroppo il 25 Aprile si celebra troppo spesso in maniera retorica e formale.

      Forse non eravamo degni della democrazia, perché metà della nazione non sapeva nemmeno cosa fosse la democrazia.

      Preferiva il Re e Mussolini. Chi per convenienza (i ricchi e i borghesi arricchiti dal regime), chi per sudditanza (chi mi dà da mangiare, gli dico babbo…) , chi per semplice ignoranza..

      E infatti eccoci qua, alle prese con Berlusconi, Grillo e la Lega.

      E più o meno le ragioni delle adesioni a questi tre populismi sono le stesse.

    • be’, edoardo, la storia degli Stati Uniti non e’ finita il 25 aprile 1945 e portare la bandiera americana significherebbe identicarsi con tutta la storia americana successiva, ad esempio con le atomiche sul Giappone, ecc. ecc.

      riconoscere il ruolo storico decisivo degli USA nella seconda guerra mondiale e’ un conto (del resto a loro e’ servita per diventare i padroni del mondo, intanto che ci aiutavano a liberarci dal fascismo), ma pretendere che esaltiamo l’America in tutto quello che ha fatto e che fa mi sembra troppo.

  4. luca@
    dopo il preambolo non mi hai detto perche’ tanta riluttanza anzi ostilita’ nel mostrate una bandiera a stelle e striscie.
    quanto al “sei forse dispiaciuto” la considero una non troppo velata provocazione non degna di replica..!!

    • @edoardo
      Sono contento che tu sia “atlantista” e democratico.
      Altre volte in questo blog avevo pensato fossi uno di quelli che ancora va inveendo contro il complotto giudaico-pluto-massonico di mussoliniana memoria.
      Mi dovrò esser sbagliato…

    • In quanto alle bandiere per il 25 Aprile, oltre a quella americana, occorrerebbe aggiungere quella:
      inglese
      francese
      canadese
      polacca
      australiana
      neozelandese
      indiana
      brasiliana
      Tutta gente morta nell’Armata Alleata per liberare l’Italia dai fascisti e dai tedeschi.
      I tedeschi se ne sono andati. I fascisti invece hanno figliato alla grande. Come conigli.
      Saluti.

  5. caro Bortocal ho spesso parlato di questo con il mio consuocero giapponese,nostro coetaneo,il cui padre aveva servito l’imperatore nella campagna del pacifico ed era stato anche ferito gravemente a guadalcanal.

    per quest uomo laureato in ingegneria elettronica colto e democratico le atomiche sono state una autentica infamia perche’ gli americani avrebbero dovuto conquistare il Giappone lealmente
    naturalmente secondo la loro cultura lealmente significherebbe combattere all’arma bianca,casa per casa.

    gli americani avevano preventivato questa ipotesi che sarebbe loro costata circa due milioni di morti…!!

    a 70 anni di distanza il giudizio per essere equo deve immergersi in quell’epoca ed in quei timori….l’intervento americano e’ stato risolutivo per abbattere 2 regimi pericolosissimi..ed uno da operetta.:quello giapponese militarista ed antidemocratico e quello nazista che non si puo’ definire altrimenti come l’ubriacatura di un popolo affascinato dal sinistro carisma di un pazzo criminale…….e’ questo la dice lunga sui tedeschi perche’ senza la loro massiccia collaborazione il mostro non avrebbe potuto attuare i suoi efferati crimini…!

    quanto poi al fatto che mostrare la bandiera americana significhi identificarsi con i loro presunti “crimini” postbellici mi sembra eccessivo…..in questo caso non conosco una sola bandiera,in primis quella rossa,che meriterebbe di essere mostrata…..per cui mi limiterei solamento all’evento festeggiato cioe’ ….LA LIBERAZIONE…!!

    • @Edoardo
      Scusa se mi intrometto tra te e Bortocal.
      Ma avrei una domandina piccola piccola da farti:
      “Se Hirohito o Hitler avessero avuto per primi l’arma atomica, forse non l’avrebbero usata come arma risolutiva per dare una svolta alla “loro” guerra ?”
      Perché si suppone sempre che i “democratici” debbano essere i “buonisti” della situazione ?
      Il fascismo va combattuto sul SUO terreno, con la forza bruta, fino all’estremo: la violenza è il solo linguaggio che conosce, il fascismo. Non facciamoci illusioni.

    • @ Edoardo
      […] “gli americani avrebbero dovuto conquistare il Giappone lealmente” ecc. ecc.
      L’attacco a Pearl Harbor fu un attacco “leale” o proditorio ?
      Perché essere leali con chi ha portato in guerra una Nazione neutrale (gli USA), senza avere il coraggio e l’onestà di dichiarare lo stato di guerra, al fine di ottenere il “vantaggio del primo colpo” ?
      Il Giappone ha “meritato” Hiroshima e Nagasaki, altro che chiacchiere “buoniste”…

    • dissento, ma non per spirito filogermanico, dalla lettura superficiale del genocidio nazista, che viene riportato allo spirito tedesco, quando oggi invece siamo in grado di capire che è un fenomeno umano universale, contro il quale NEPPURE lo spirito tedesco riuscì a resistere.

      e sentire pontificare in questo modo uno degli italiani che sterminarono nei campi di concentramento la metà dei beduini libici negli anni Trenta o usarono i gas contro la popolazione civile per conquistare l’Etiopia, per non parlare dei massacri balcanici che precedettero le foibe, mi fa amaramente dire che la falsa coscienza di un popolo di pulcinella smemorati non avrà mai fine.

  6. perl harbur era un obbiettivo esclusivamente militare
    le due citta’ giapponesi,tranne qualche esigua guarnigione erano obbiettivi assolutamente civili..!!

    • Ti rispondo con le parole di Roosevelt.

      IL DISCORSO DI ROOSEVELT

      “Ieri, 7 Dicembre 1941, una data segnata dall’infamia, gli Stati Uniti d’America sono stati improvvisamente ed intenzionalmente attaccati dalle forze aeree e navali dell’Impero del Giappone.
      Gli Stati Uniti erano in pace con questo paese, e su richiesta del Giappone, erano ancora in contatto con il suo Governo e il suo Imperatore nel tentativo di mantenere la pace nel Pacifico. In realtà, un’ora dopo che le squadriglie aeree giapponesi avevano iniziato il bombardamento a Oahu, l’Ambasciatore giapponese negli Stati Uniti e il suo collega hanno consegnato al Segretario di Stato una risposta formale al recente messaggio americano.
      Sebbene questa risposta affermava che sembrava inutile proseguire i negoziati diplomatici in corso, non conteneva alcuna minaccia o accenno di guerra o di attacco armato. Tenuto conto della distanza delle Hawaii dal Giappone risulta evidente che l’attacco è stato intenzionalmente pianificato con molti giorni se non addirittura settimane di anticipo.
      Nel frattempo, il Governo Giapponese ha intenzionalmente cercato di ingannare gli Stati Uniti facendo dichiarazioni false ed esprimendosi al favore del proseguimento della pace. L’attacco di ieri alle Isole Hawaii ha arrecato un grave danno alle forze militari e navali americane. Un numero ingente di vite americane sono state perse.
      E’ stato inoltre comunicato che le navi americane sono state attaccate con siluri in alto mare tra San Francisco e Honolulu .

      Ieri il governo Giapponese ha attacato anche Malaya.
      Ieri notte le forze giapponesi hanno attaccato Hong Kong.
      Ieri notte le forze giapponesi hanno attaccato Guam.
      Ieri notte le forze giapponesi hanno attaccato le Filippine.
      Ieri notte le forze giapponesi hanno attaccato l’Isola di Wake.
      Questa mattina i giapponesi hanno attaccato l’Isola di Midway.
      Pertanto,il Giappone ha intrapreso un’offensiva a sorpresa estesa a tutta l’area del Pacifico.
      Gli accadimenti di ieri parlano da soli. Il popolo degli Stati Uniti si è già fatto un’idea ed è ben conscio delle implicazioni per la stessa vita e la salvezza della nostra nazione.
      In qualità di Comandante in Capo dell’Esercito e della Marina, ho dato disposizioni affinché venissero adottate tutte le misure per le nostra difesa.
      Rimarrà per sempre nelle nostre menti l’attacco furioso nei nostri confronti. Non importa quanto tempo occorrerà per riprenderci da questa invasione premeditata, il popolo americano con tutta la sua forza riuscirà ad assicurarsi una vittoria schiacciante.
      Ritengo di farmi interprete della volontà del Congresso e del popolo quando affermo che non solo ci difenderemo fino all’ultimo ma faremo quanto necessario per essere sicuri che questa forma di tradimento non ci metta mai più in pericolo.
      Le ostilità esistono. Siamo coscienti del fatto che il nostro popolo, il nostro territorio i nostri interessi siano in serio pericolo.
      Accordando fiducia alle nostre forze armate, e con la sconfinata determinazione del nostro popolo, raggiungeremo l’inevitabile vittoria, in nome di Dio.
      Chiedo che il Congresso dichiari lo stato di guerra tra gli Stati Uniti e l’Impero giapponese, a seguito dell’attacco non provocato e codardo del Giappone di Domenica 7 Dicembre 1941.
      Franklin Delano Roosevelt – CASA BIANCA -8 Dicembre 1941

      Il 25 dicembre 1941 è ricordato, nella storia di Hong Kong, come il ‘Natale nero’. Nei giorni immediatamente successivi alla capitolazione le truppe giapponesi si macchiarono di numerose uccisioni di massa di civili cinesi, e si stima abbiano violentato circa 10.000 donne.

      Il generale Isogai Rensuke divenne il primo governatore giapponese di Hong Kong. Nei tre anni e otto mesi di dominazione giapponese, la carenza di cibo e le malattie che ne seguirono causarono la morte o la migrazione di migliaia di abitanti, e delle 1,6 milioni di persone che abitavano l’isola prima della guerra, nell’agosto 1945 non ne restavano che 600.000.
      Fino alla fine della guerra fu attiva nei Nuovi Territori una limitata guerriglia da parte dei cinesi, cui i giapponesi risposero sempre con brutale ferocia, razziando e distruggendo diversi villaggi.

      —-

      Già prima di PearI Harbor in Cina i Giapponesi eliminarono , approssimativamente, 9.130.000 civili morti in azioni di guerra dirette, ed altri 8.400.000 civili morti per cause riconducibili alla guerra.

      Seppur in maniera non ufficiale l’opinione pubblica statunitense, che all’inizio degli anni trenta era stata favorevole al Giappone, cominciò ad orientarsi verso il Kuomintang, anche a causa delle notizie sul comportamento dell’esercito giapponese nei confronti dei civili.

      Vedi:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Seconda_guerra_sino-giapponese
      http://www.icsm.it/articoli/ri/nanchino.html

      —-

      Chi ha iniziato con i genocidi di massa già prima della 2a Guerra Mondiale ?

      Perché lamentarsi se poi gli Alleati hanno usato le stesse tecniche di sterminio, per porre fine al più presto a una guerra non voluta ?

      Lacrime di coccodrillo quelle per Hiroshima e Nagasaki…

      • nessun dubbio sui crimini giapponesi che non hanno nulla da invidiare a quelli nazisti: ad esempio appunto Nanchino, vedi http://www.youtube.com/watch?v=jUdYE3Yp_kM

        però ho anche letto un libro tempo fa che sosteneva la tesi che Roosevelt era informato della possibilità dell’attacco giapponese, ma lasciò fare, perché gli serviva un motivo accettabile dall’opinione pubblica per farle subire la guerra, alla quale era ampiamente contraria; non trovo la tesi pienamente convincente, tuttavia lascia una piccola area oscura nello svolgimento dei fatti.

        insomma, siamo di fronte a violenze e massacri, e tutti se ne macchiarono in qualche modo; noi oggi riconoscere di vivere in un mondo migliore di quello nazista o dei signori della guerra giapponesi, ma credo dobbiamo anche dire che anche questa strada fu macchiata da un sangue che dobbiamo considerare inaccettabile, vero?

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...