251. Bersani l’asparago (schizofrenico).

“Sa come crescono gli asparagi?

Si prepara con cura un’asparagiaia.

È un terreno che deve durare 50 anni, non un giorno.

E il contadino sa bene che può crescere un asparago bello lungo un anno e un asparago più corto un altro anno”.

Il terreno è il partito, gli asparagi di diverse dimensioni sono i leader che si alternano alla sua guida. (…)

“Certo, Blair, Roosevelt. Leader – cioè asparagi – grandissimi.

Ma gli stessi partiti che li hanno espressi, hanno conosciuto anche capi più sbiaditi, asparagi corti.

Come Kinnock”.

a voi sembra normale uno che parla così?

* * *

la storia degli asparagi è su Repubblica dell’altroieri, in una specie di intervista a Bersani, che per me è una sorpresa, che potrebbe essere piacevole, se Bersani non risultasse dalle sue dichiarazioni totalmente schizofrenico, politicamente parlando.

inizio da alcune considerazioni che condivido:

“Il presidenzialismo è un disastro. Figuriamoci, in un Paese attraversato da mille populismi…”
.
intanto chiama il presidenzialismo ritirato fuori dalla naftalina in queste settimane col suo vero nome, e lascia perdere la foglia di fico del semi-presidenzialismo: dico e non dico.
.
e poi l’analisi non fa una piega.
.
bene, che cosa vi aspettereste dopo questa dichiarazione?
.
io: “lo combatterò con tutte le mie forze, come del resto nel Partito Democratico abbiamo sempre fatto”.
.
e invece, sorpresa negativa dopo la sopresa positiva:
.
“Aspetto di vedere la discussione e di misurare i contrappesi”.
.
aspetta e spera, Gigetto, aspetta e spera…
.
* * *
.
seconda sorpresa positiva:
.
La Grande coalizione non funziona.
Ha senso solo in due casi: quando c’è la minaccia del terrorismo e quando gli spread impazziscono.
Per far ripartire un Paese invece ci vuole un governo, di destra o di sinistra, che dia una scossa.
.
sono contento di leggere queste cose: che cosa vado dicendo in questi giorni, rimproverato da qualcuno di essere un estremista e/o un sognatore?
.
scusate, critici: ma se lo dico io non va bene, se invece lo dice Bersani è verbo?
.
allora,ok: il governo Letta, che è di grande coalizione, non va bene.
.
e che cosa mi aspetto io da Bersani a questo punto?
.
che mi dica che occorre far cadere questo governo, no?
.
e se è meglio un governo di destra, che comunque decida, piuttosto che un governo né carne né pesce che non può decidere nulla?
.
ho detto anche questo, qualcuno se lo ricorda?
.
ma allora non era meglio rifiutare il ricatto di Napolitano e tornare alle urne: vinceva Berlusconi? benissimo, e avremmo visto come avrebbe fatto a togliere l’IMU e a non aumentare l’IVA…
.
sempre meglio che prometteredi farlo assieme a lui e lasciargli il pallino della propaganda sui due temi, no? direi io che non capisco niente di politica…
.
se Bersani fosse coerente e non schizofrenico, avrebbe messo Napolitano e la destra del suo partito con le spalle al muro: non volete dare l’incarico a me, che sono il segretario dell primarie dove hanno votato milioni di persone e sono la voce del popolo Democratico?
.
e allora si torna a votare, cribbio!
.
e invece sentite Bersani l’incoerente:
.
“Starò con Enrico Letta fino all’ultimo secondo”.
.
e va bene, allora: vai in malora con lui.
.
* * *
.
ma questa frase di Bersani purtroppo ha un senso solo in una concezione familistica della politica: è una dichiarazione di fedeltà personale e di lealtà fuori posto.
.
è facile riconoscere al fondo di queste parole la vecchia logica democristiana dell'”amicizia”, cioè del clientelismo.
.
il Partito Democratico è diventato la riedizione della Democrazia Cristiana?
.
purtroppo per chi li ha visti in azione la risposta è sì: le analogie sono impressionanti, e questo significa che, aldilà dei nomi e delle storie personali, vi è una spinta irresistitbile a rifare gli stessi errori che viene dalla cultura nazionale.
.
scrisse Luigi Pintor, il dissidente comunista del gruppo del Manifesto, in una frase rimasta famosa: Non moriremo democristiani.
.
purtroppo la storia si è beffata di lui e l’amico Pintor è morto dieci anni fa berlusconiano; ma noi che siamo rimasti moriremo democriatiani di nuovo, solo con un piccolo ritocco verbale: non di dice più democritiano, ma si abbrevia in democratico.
.
ma, Bersani, sei stato votato per portare avanti un programmna, non per amicizia.
.
* * *
.
Bersani dice anche altre cose giuste dal mio punto di vista:
.
“Per me non ci sono dubbi: meglio una mini-patrimoniale che far pagare a tutti un costo sui consumi”.
.
leggi: meglio IMU che IVA.
.
dev’essere per questo che Bersani appoggia il governo Letta, che sta facendo il contrario, e alla fine non riuscirà ad eliminare né l’una né l’altra.
.
“Mi batterò perché l’Italia diventi un Paese come gli altri. Non soffocato dal leaderismo e dal populismo”.
.
domanda successiva: Renzi?
.
“Sarei anche

pronto a sostenerlo”.
.
* * *
.
sconcertante, no? e mi risparmio l’analisi svagata di quel che è successo nell’elezione del presidente della Repubblica, senza cogliere il ruolo di Napolitano nella propria rielezione (e io che credevo che fosse uomo d’onore coerente con la parola data!) e nel fargli le scarpe.
.
insomma, Bersani sembra in uno stato confusionale: dice anche cose giuste, ma è impossibile affidarsi a lui per portarle avanti.
.
e lo stato confusionale di Bersani può essere personale, oppure del partito, oppure più probabilmente di tutti e due.
Annunci

Una risposta a “251. Bersani l’asparago (schizofrenico).

  1. Pingback: Napolitano nove anni nei miei blog: 2013, al governo per interposto Letta – 64. | Cor-pus·

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...