467. post Crimi-nale.

i giochi del circo: nella politica italiana ridotta a Colosseo, la parte del gladiatore da dare in pasto alle belve oggi è toccata al povero senatore grilletto Crimi.

il quale, prima di entrare nella Giunta che ha proposto al parlamento di dichiarare decaduto Berlusconi, ha twittato o postato una battuta scema, dove ha trasformato lo slogan pitonesco “Silvio, non mollare” nel più volgare e pecoreccio “Silvio, non mollarla”.

la battuta poteva anche essere carina se Crimi non l’avesse devastata col gusto di uno che sghignazza forte durante un’autopsia e con particolari degni della medesima…

ma, insomma, basta mica dirlo, come sto dicendolo io qui?

macché, è venuto giù il mondo intero: i prezzolati hanno fatto scandalo, cercando addirittura di bloccare la Giunta; gli isterici e i fanatici hanno sentito vilipeso il loro Padre Pio da Arcore; i giornali che una volta potevano essere creduti antiberlusconiani, pur di dare addosso a Grillo con argomenti sufficientemente beceri da potere fare presa sul popolino (come se mancassero gli argomenti seri), hanno continuato per tutta la giornata a dare notizie semplicemente false.

povera Italia, Ruanda europeo della informazione.

* * *

le uniche cose sensate della giornata su questo tema le ha dette Salvatore di Pardo, l’avvocato del secondo piazzato per il PdL dietro Berlusconi nel suo collegio elettorale, che naturalmente preme perché il capo del suo partito sia liquidato; ma lo fa per voce di un legale particolarmente chiaro e persuasivo:

La giurisprudenza già l’ha chiarito, il Consiglio di Stato già l’ha chiarito: non si tratta di una legge che ha effetto retroattivo, non si tratta di una legge penale, si tratta semplicemente di una norma di carattere elettorale o amministrativo, con cui si fissano i criteri e i presupposti per l’elezione.

Quindi si individuano dei requisiti che chi vuole ricoprire una carica pubblica di particolare rilievo come quella di senatore, chi vuole dettare le regole che tutti i cittadini devono rispettare, deve possedere; e quindi si dice semplicemente che chi è colpito da ordine di carcerazione e chi, nel caso di specie, ha commesso una frode fiscale ai danni dello stato non è opportuno che scriva le leggi, visto che non le rispetta, in sintesi.

Questa è la valutazione fatta dal legislatore; questa poi è la valutazione fatta dal popolo italiano; quindi questa è in definitiva la volontà del popolo italiano, che mi sembra che sia né irragionevole né illogica, perché ciascuno di noi penso che non affiderebbe la gestione del suo patrimonio e delle sue cose ad un soggetto che non si è comportato proprio bene e che quindi gli ha frodato qualcosa oppure è colpito da ordine di carcerazione.

mi immagino, ascoltandolo, l’assemblea di condominio che conferma l’amministratore condannato per frode contro il condominio, anche se sta per entrare in carcere per questo…

* * *

ma quello che personalmente mi impressiona di più è la massa dei blogger, oramai completamente schizzati, che si muovono telecomandati, non importa se berlusconiani o anti-, e scatenano la loro creatività sul tema obbligato della giornata, che è la mancanza di senso dell’umorismo e di urbanità del povero Crimi; caciara che serve a nascondere le questioni vere.

ed ora che ho pagato anche io il mio tributo alla moda dell’istante, vado a dormire incavolato, augurando buona notte a chi resta sveglio.

mentalmente e criticamente, intendo.

12 risposte a “467. post Crimi-nale.

  1. “Quindi si individuano dei requisiti che chi vuole ricoprire una carica pubblica di particolare rilievo come quella di senatore, chi vuole dettare le regole che tutti i cittadini devono rispettare, deve possedere; e quindi si dice semplicemente che chi è colpito da ordine di carcerazione e chi, nel caso di specie, ha commesso una frode fiscale ai danni dello stato non è opportuno che scriva le leggi, visto che non le rispetta, in sintesi.”

    Ci fosse il buon senso non avremo così tanto bisogno di norme, leggi e leggine!
    Mi pare che non abbia detto cose complicate, no?

    PS: Non arrabbiarti per favore…non ne vale la pena.

    • eh eh, e infatti Berlusconi si è guardato bene dall’andare in giunta, è rimasto fuori a fare la vittima…

      ma quelli che veramentre mi sconcertano davvero sono quelli che continuano a credergli: ti rendi conto di quali follie è capace la mente umana anche senza deragliare visibilmente del tutto?

      hai ragione a dire che è sciocco arrabbiarsi per questo.

      ma se questo non mi fa arrabbiare, mi deprime; e credo di arrabbiarmi proprio perché mi pare il dolore minore… 😉

      • Secondo te perchè ho aperto il blog?
        Per non cadere in depressione

        Secondo te perchè non guardo la tv ?…e dico la TV per dire qualsiasi programma…nemmeno i documentari che tanto mi piacevano….
        Per non abbruttirmi

        E non voglio più nemmeno ridere, capisci?…perchè a me non fanno ridere ma schifo, profondamente schifo…

        Certo è che non sono immune comunque da altro tipo di letture e\o informazioni, che sono necessarie….
        Ma ogni tanto e su carta “certa”.

        Non voglio abituarmi a certe immagini, ma solo mornirne piano, e non sempre di quelle inevitabili dove il dolore lo sento concentrato…come una stilettata…

        Non solo quelli che continuano a credergli stando al suo fianco in parlamento e\o al senato…ma i suoi elettori!
        Ancora e ancora discussioni e difesa a spada tratta…negando l’evidenza!

        Questo si che rende il futuro meno roseo (se mai ci fosse una piccola speranza…)

        Buon sabato
        .marta

        PS: Dico non ne vale la pena…ma mi arrabbio anch’io che credi…

        • neppure tu guardi la tv! ecco spiegato tutto.

          neppure i miei figli la guardano, non ce l’hanno proprio in casa; io non gliel’ho mai imposto e da bambini non gliel’ho mai negata; anche per me la scelta è subentrata dopo; però penso con un poco di preoccupazione ai due piccolini di mio figlio, che si troveranno tagliati fuori dagli altri bambini, e questi li guarderanno come degli alieni.

          smettere di guardare la tv è stato indispensabile per soffrire meno; come mi ritrovo in quello che hai detto tanto bene!

          poi non so se il blog è davvero utile per non andare in depressione: a volte la provoca!

          • E’ sufficiente non andare a leggere i blog che richiedono stomaci forti 😦

            Non preoccuparti per i tuoi nipotini…non si sentono tagliati fuori, tranquillo…

            dipendesse da me la tv farebbe una bruttissima fine: ho sempre desiderato vedere come è fatta all’interno quella scatola infernale…;)

            • cara marta,

              sto peraltro vedendo come il mondo dei blog, che era nato per rappresentare una alternativa al sistema integrato stampa-tv che condiziona l’informazione, stia sempre di più diventando una sua appendice e una cassa di risonanza che è eterodiretto alla stessa maniera del resto.

              questo comporta conseguenze precise e visibili sugli accessi e sulla diffusione.

              per cui quelli che tu chiami i blog da stomaci forti (ma dovresti fare qualche esempio…. ;)) sono quelli che vanno per la maggiore e che oramai si sono perfettamente integrati al sistema dell’informazione di massa.

              a chi non si piega rimane soltanto la possibilità di provare a diffondere valori alternativi a partire dal privato o dal letterario: ma in questo modo si lascia via libera al controllo delle opinioni politiche attraverso i media…

              quanto alla tv ne ho una molto vecchia in cantina, ha oramai più di cinquant’anni e credo stia diventando un oggetto di antiquariato: da tempo desidero trasformarla in un acquario.

              un gesto di trasgressione artistica che vorrei mi consegnasse alla stria come Andy Warhol… 😉 😉 😉

              ma troppo datato, oramai, vero?

  2. – “invecedistelle” peccato non ci sia più –
    il blog personale di trame di pensieri che a me piaceva per lo stile (soprattutto) e i contenuti di tramedipensieri
    …doveva essere un P.S. …ho fatto il contrario. Chiedo perdono ad entrambi.
    Vorrei svegliarmi in un mondo senza governi…e senza popoli. E a posto di questi?

    • spero che marta legga questo commento.

      ma, a proposito, e il tuo blog che fine ha fatto? non mi si apre adesso cliccando sul tuo nick.

      un mondo senza popoli? cioè un mondo di semplici tribù?

      forse la creazione di un governo mondiale potrebbe consentire un mondo governato solo da sindaci, di cui oggi si parla.

    • ……..significa che non ti piace più?
      Eh, in effetti è un po’ noioso…
      Mi spiace….
      Non c’è niente di cui ti debba scusare!

      Però devo dire che ce ne sono tantissimi molto belli!
      Saprai trovare alternative valide..

      un caro saluto
      .marta

      • scusa se mi intrometto: non so se ho capito bene, ma mi pare che voglia dire un’altra cosa.

        non sta parlando di un tuo blog “invecedistelle” che gli piaceva e non esiste più? io almeno ho capito così.

        la cosa strana è che a me risulta sparito il suo…

  3. Veramente puntuale il commento del senatore destinato a subentrare a B.

    Solo una cosa vorre dire, invece, riguardo Crimi: pur condividendo il giudizio che i commenti e le polemiche sono state eccessive e spropositate, secondo me la questione non può essere liquidata come semplice cattivo gusto od inopportunità. Perché, come la Lega in passato, è evidente il carattere politico dello stile usato da Crimi, palesemente ricalcato su quello di Grillo.
    Allora, resto convinto che sia una battaglia d’igiene intellettuale protestare e denunciare questo stile.

    • sono d’accordo con te sulla valutazione che fai dello stile comunicativo di Crimi, e spero di avere dato anche qui sopra un piccolo contributo personale a una critica dura e ad una presa di distanze.

      ma un conto è questo (anche se a Crimi oramai spetta la parte in commedia che si è conquistato con le sue stupidaggini, e stupisce che la stampa non abbia riservato per anni lo stesso trattamento a Bossi, Calderoli o al “Grande!” che ne sparavano di peggio), un conto è scrivere autentiche falsità, come quella che si poteva leggere su Repubblica anche oggi, che Crimi aveva twittato durante la riunione di Giunta – obbedendo a precisi imput berlusconiani, oltretutto.

      (che poi, se anche fosse…).

      è questo modo di considerarci tutti imbecilli che mi irrita.

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...