come una meteora – 317.

4142-meteorites

che cosa sta succedendo con le meteoriti?

il grafico che vedete qui sopra è ricavato da un blog diciamo molto fantasioso al quale non voglio fare pubblicità gratuita, che l’ha a sua volta dedotto da un sito americano dedicato alla rilevazione dei meteoriti che cadono sugli Stati Uniti.

se dico che nel 2013 gli eventi registrati sono stati 3.561 rispetto ai 463 del 200, qualcuno potrebbe spaventarsi vedendo che in nove anni il numero degli avvistamenti si è quasi decuplicato; è quello appunto su cui specula il post in questione, facendo credere che sia in atto chissà quale incremento del numero di meteoriti che cadono sulla terra.

ma si tratta appunto di avvistamenti, che evidentemente crescono quanto maggiore è l’interesse: non esistono evidenze che il numero degli impatti sia variato significativamente, che io sappia.

* * *

del resto neppure si saprebbe spiegare perché: gli asteroidi infatti sono una parte ben definita, anche se instabile, del sistema solare interno: i materiali preparatori di un pianeta intermedio fra Marte e Giove che non è mai riuscito a formarsi; il loro numero non varia; può variare soltanto la posizione, per motivi gravitazionali, a partire dalla loro orbita ellittica attorno al Sole.

che non può essere influenzata più di tanto dalla presenza di pianeti segreti, per non dire fantomatici, aldilà di quei conosciuti.

in questo caso dovremmo parlare semmai della seconda fascia, quella definita della “Fascia di Belt”, quella dei “pianeti nani”, oltre Nettuno, l’ultimo dei pianeti veri e propri.

tra di loro è stato recentemente ricondotto anche Plutone, che ha perso il suo rango di pianeta.

eccone alcuni:

631px-2006-16-d-print2

questa fascia sì potrebbe essere destabilizzata da forze gravitazionali esterne al sistema solare conosciuto; ma bisogna anche pensare che è molto lontana dalla Terra, mentre gli asteroidi sono relativamente vicini, in particolare alcuni.

insomma, semmai qualcosa di nuovo potrebbe venire dai movimenti delle comete, che sono pur sempre una parte estrema del sistema solare, che si estende molto aldilà dello spazio per noi conoscibile.

* * *

ma se qualcuno vuole spaventarsi ancora di più alla fonte dei blogger un poco fuori di testa, pensate che coincidenza: ho postato da un paio d’ore e su un altro bog wordpress molto peggiore di quello citato all’inizio, esce un post sullo stesso argomento, titolo: UN ASTEROIDE CI DISTRUGGERA’, PAROLA DI GESU’

rivelata, non si sa come a Marion Gordon Robertson, per gli amici Pat, un “televangelista” americano, cioè uno a cui fanno fare una trasmissione televisiva negli USA, The 700 Club, per parlare delle sue paranoie, alias visioni ricevute direttamente dal Signore.

chi vuole documentarsi, invece, vada a vedere questo bellissimo filmato di You Tube che rappresenta visivamente l’incremento delle nostre conoscenze sugli asteroidi dal 1980 al 2010, data di questo video straordinario che è già stato visto più di un milione di volte: siamo passati da 8.945 asteroidi riconosciuti a 530.091.

ma attenzione: non sono 520.000 nuovi asteroidi nati negli ultimi trent’anni: c’erano anche prima, solo che noi non lo sapevamo.

Il colore finale di un asteroide indica come è collocato per quanto riguarda il sistema solare interno .
quelli che incrociano l’orbita della Terra sono rossi
quelli che si avvicinano all’orbita della Terra (perielio inferiore a 1.3 unità astronomiche) sono di colore giallo
tutti gli altri sono verdi

al centro in giallo ci sta il Sole; poi attorno ad esso si vedono ruotare, più grandi, Mercurio Venere la Terra e Marte; più lontano, al bordo esterno del video ruota Giove, e gli asteroidi in mezzo.

come si vede, c’è una specie di fascia interna, evidenziata con corpi in rosso o in giallo, tra Venere e Marte, proprio attorno all’orbita della Terra: potrebbero essere gli asteroidi generati all’inizio della formazione del sistema solare dall’enorme impatto cosmico che avrebbe generato la Luna o comunque essere connessi alla sua formazione.

* * *

nota al video su You Tube:

Video Creato da Scott Manley, è una visione del sistema solare che mostra le posizioni di tutti gli asteroidi a partire dal 1980: come gli asteroidi vengono scoperti vengono aggiunti alla mappa ed evidenziati in bianco in modo da poter scegliere quelli nuovi.

Notate ora che l’andamento delle scoperte segue la Terra lungo la sua orbita: infatti la maggior parte delle scoperte sono state fatte nella zona di fronte al sole. Noterete anche alcuni gruppi di scoperte sulla linea tra la Terra e Giove, questi sono il risultato di indagini alla ricerca di lune di Giove. Gruppi simili di scoperte possono essere legati agli altri pianeti esterni, ma quelli non sono visibili in questo video .

Mentre il video procede, ala metà del 1990 vediamo tassi di scoperta molto più alti, dovuti ai sistemi automatizzati di scansione del cielo. La maggior parte delle indagini sono scansioni del cielo direttamente di fronte al sole e vedrete una regione di alti tassi di scoperta allineati in questo modo .

All’inizio del 2010 un nuovo modello scoperta diventa evidente, con zone di rilevamento in una linea perpendicolare al vettore Sole-Terra . Queste nuove osservazioni sono il risultato del WISE (Widefield Infrared Survey Explorer), che è una missione spaziale che ha il compito di scansionare l’ intero cielo in lunghezze d’onda infrarosse.

La scala del video a risoluzione 1080p è di circa 1 milione di chilometri per pixel , e ogni secondo di video corrisponde a 60 giorni .

Attualmente abbiamo osservato oltre mezzo milione di pianeti minori l’andamento delle scoperte non mostra alcun segno che siamo a corto di oggetti da scoprire, le stime scientifiche indicano che ci sono circa un miliardo di asteroidi di dimensioni superiori di 100 metri (circa le dimensioni di un campo di calcio).

Elementi orbitali sono stati presi dai dati « astorb.dat ‘ creati da Ted Bowell e collegate al sito

htp://ftp.lowell.edu/pub/elgb/astorb.html

La musica è ‘ transgenici ‘ da Trifonic : http://www.amazon.com/Emergence-Trifo … – sono ragazzi fantastici , dare loro un po di amore.

Scopri la mappa di oggi asteroide all’indirizzohttp :/ / szyzyg.arm.ac.uk / ~ spm / neo_map ….

Un bel paio di giornalisti, blogger e tweeter hanno attribuito il video a NASA o all’Osservatorio di Arecibo – che, mentre fanno il loro lavoro bene, non hanno nulla a che fare con questo. Se si scrive una storia è possibile accreditare il video a Scott Manley.

Se si ha bisogno di un video o di immagini per una specifica finalità di qualità superiore – istruzione, notizie o semplicemente piacere per gli occhi li posso fornire, caso per caso.

Over a thousand tweets http://topsy.com/trackback?url=http%3…

* * *

dunque nel 2010 conoscevamo circa 500.000 asteroidi più grandi di 100 metri su un miliardo presumibilmente esistente.

mai come ora si è convinti che l’unico sapere è quello socratico di non sapere.

ma esiste anche una forte evidenza che il numero degli impatti stessi degli asteroidi con la Terra è fortemente sotto-stimato.

negli ultimi 14 anni sono avvenuti nel nostro pianeta 26 impatti con grandi meteoriti che sono rimasti completamente sconosciuti e sono stati rilevati soltanto recentemente dal CTBO, la rete mondiale dei sensori che rilevano in 4 stazioni le esplosioni atomiche; la Fondazione B612, costituita come centro di ricerca sulle meteoriti che sta progettando un sistema di pre-allarme planetario, ha rivelato che si trattava di meteoriti: in coda al post l’elenco (in tedesco) degli impatti più importanti degli ultimi anni.

la potenza di queste esplosioni andava da 1 a 600 chilo-tonnellate di dinamite – la bomba di Hiroshima era pari a 15 kt; solo uno di questi 26 meteoriti è stato avvistato prima della caduta; gli altri sono caduti lontano dalle zone abitate e in mare.

insomma il numero sinora calcolato degli asteroidi in caduta sua Terra è sotto-stimato: 100.000 sarebbero i meteoriti di 20 metri di lunghezza media che girano attorno al nostro pianeta e 10 milioni quelli che raggiungono i 50 metri; ma basterebbe un asteroide di 20 metri, se raggiungesse una città, a distruggerla: quello di Čeljabinsk  dell’anno scorso, peraltro esploso prima di raggiungere il terreno, era di questo ordine di grandezza e aveva una potenza di 500 kt, cioè pari a 33 bombe atomiche come quella di Hiroshima.

il corpo celeste non identificato di Tunguscka del 2008, più grande (forse appunto un centinaio di metri), pur senza impattare il pianeta, distrusse 2.000 km quadrati di foresta in Siberia.

* * *

queste notizie nel loro insieme sono chiaramente promozionali di investimenti nel campo della ricerca degli asteroidi, stimolata da due punti di interesse: 1) la prevenzione (molto incerta); 2) lo sfruttamento economico degli asteroidi stessi, che cominciano ad essere visti come potenziali miniere a spasso per il cosmo.

il secondo interesse, a mio parere, è prevalente sul primo.

si alimenta la paura per convincere del’utilità di investimenti che potrebbero avere invece ricadute economiche.

quindi non fatevi impressionare troppo: l’unica meteora certa che ha colpito e colpirà ancora a Terra siamo noi esseri umani, fino a che dureremo.

* * *

Esplosioni meteoritiche misurate dal CTBTO dal 2000 ad oggi:

25.08.2000 (1-10 kT) Nordpazifischer Ozean

23.04.2001 (1-10 kT) Nordpazifischer Ozean

09.03.02002 (1-10 kT) Nordpazifischer Ozean

09.08.2006 (1-10 kT) Indischer Ozean

02.09.2006 (1-10 kT) Indischer Ozean

02.10.2006 (1-10 kT) Arabisches Meer

09.12.2006 (10-20 kT) Ägypten

22.09.2007 (1-10 kT) Indischer Ozean

26.12.2007 (1-10 kT) Südpazifischer Ozean

07.10.2008 (1-10 kT) Sudan

08.10.2009 (>20 kT) Süd-Sulawesi, Indonesien

03.09.2010 (10-20 kT) Südpazifischer Ozean

25.12.2010 (1-10 kT) Tasmanische See

22.04.2012 (1-10 kT) Californien, USA

15.02.2013 (>20 kT) Tscheljabinsk-Gebiet, Russland

21.04.2013 (1-10 kT) Santiago del Estero, Argentinien

30.4.2013 (10-20 kT) Nordatlantischer Ozean

6 risposte a “come una meteora – 317.

  1. che un asteroide possa distruggerci lo ritengo più’ che un evento eccezionale.
    penso altrimenti che tutta la comunità’ scientifica infatizzando esponenzialmente questo evento sia a caccia di sempre piu’soldi…e tutti i modi sono buoni.

    • che un asteroide distrugga la civiltà umana potremmo considerarlo un fatto assolutamente certo, se solo non fosse altrettanto certo che gli uomini si auto-distruggeranno prima che faccia in tempo lui. 😦

      certamente l’enfasi sul tema è direttamente proporzionale alla fame di soldi.

      e temo che si tratti di investimenti ampiamente inutili, almeno al momento, dato che non possediamo oggi le tecnologie per avvistare un asteroide di soli 20 metri che può combinare disastri epocali, come si è intravvisto a Celiabinsk (salvata perché è arrivato di striscio) o a Tunguska, dove in quei 2.000 km quadrati pare non ci fosse nessuno.

      – ah, ti sei accorto che questo post è più lungo ancora di quello che non sei riuscito a finire? 🙂

  2. da giovane ho avuto una passione per il cielo e mi sono iscritto qui a milano ad un club di astrofili.
    purtroppo dato il cielo milanese andavamo,con sacchi a pelo e scatolette,nelle centovalli ,zona tra la val vigezzo e locarno dove di notte il cielo ricorda quello descritto da van gogh.
    che meraviglia…..! ricordo la prima volta che con il telescopio ho visto saturno ed i suoi anelli……indimenticabile.

    • be’, una passione che condividiamo, anche se in me è rimasta a livello teorico e si è nutrita esclusivamente di letture.

      quasi non riesco a comprendere che qualcuno possa disinteressarsi di questo argomento.

  3. ovviamente il cielo,specie quello notturno,era l’ovvio punto di riferimento per l’umanita.
    subito i vari sommi sacerdoti hanno messo le mani avanti ed l’anno utilizzato come mezzo per sottomettere le masse.

    pero’ il firmamento resta sempre una cosa meravigliosa e sopra tutto educativa perche’ penso che chiunque lo osservi e lo studi,specie adesso che grazie alla tecnica riusciamo a vederne sempre piu’,chiunque dicevo,berlusconi a parte,non puo’ non sentirsi una infinitesima parte di una cosa immensa dove come ti ho gia detto non penso ci sia una linea di confine fra spirito e materia.

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...