la carta di identita’ di Parigi – 7.

unnamed

Qualcosa non torna nella strage di Parigi.

Un attentatore avrebbe dimenticato la carta di identita’ nell’auto usata per la strage.

Ma pensa che sbadato!

I killer sono stati identificati così.

E adesso non pensino che questa ce la beviamo.

Sento puzza di servizi segreti.i-4-i

* * *

le due vignette di questo post sono del caricaturista e blogger libanese Sharkouni, che le pubblica in un post dal titolo 

JE SUIS CHARLIE HEBDO

Annunci

14 risposte a “la carta di identita’ di Parigi – 7.

    • ciao.

      veramente il proprietario della carta di identità ha un alibi di ferro: era a scuola!

      questa faccenda è veramente un poco torbida, oppure fondata su informazioni inesatte.

      ma insomma aspettiamo di capire come abbia fatto la polizia francese a identificare così in fretta due “responsabili” dell’attentato e a cercare di incastrarne un terzo, che per sua fortuna si è consegnato subito, riuscendo a scagionarsi e a non diventare l’Oswald di turno.

      purtroppo devo lasciare l’internet café ora, ma ti rileggo domani: se l’euro cala pare che dobbiamo considerarla una buona notizia, a parte la guerra commerciale in corso con la Russia.

      ma soprattutto è buona per la finanza in dollari se ha intenzione di comperarci.

      a risentirci domani.

      • ah… sempre con questi benedetti internet café. Devi aver fatto arrabbiare tanto quelli delle telecomunicazioni che dovevano installarti internet a casa 🙂

        beh in realtà volevo anche presentarti il sito di wolfram. Potrai trovarci utili informazioni per il futuro. Per esempio:
        http://www.wolframalpha.com/input/?i=gdp+italia+vs+gdp+germany+
        comunque va bene se l’euro scende perché la stessa torta è stata divisa in più parti. In fondo complessivamente non ci perdiamo nulla. Qua però qualcuno ci sta fregando un pezzo di torta… Russia, USA o entrambi?

        comunque c’è da dire che le borse hanno festeggiato alla grande la caccia al terrorista. A qualcuno potrebbe venire l’idea di organizzare più spesso la caccia al terrorista, sperando magari senza il terrorista.

        ma come abbiano fatto a identificarli è chiaro. Hanno letto il nome sul documento e si sono fidati. E magari c’hanno pure azzeccato. Ma il problema non è come hanno fatto a scoprire chi sono… il problema è come se li sono fatti sfuggire!!!
        Cioè com’è possibile che due tizi armati di kalasnikov abbiano scorrazzato liberamente per la capitale. Ma se derubavano una banca?

        ora pare che tornano. Una cosa è certa. Il servizio informativo dei blocchi stradali di Google Maps funziona a meraviglia!!!

        • veramente al ritorno dal viaggio ho fatto il contratto adsl nella casa di montagna, pensando di trasferirmici in fretta: invece i lavori per l’impianto di riscaldamento si prolungano alquanto, e alla fine forse era meglio farla installare in citta` e poi pagare i 70 euro per il trasferimento…

          devo correggermi: la carta di identita` era di un killer, non dell’autista, ma si leggono cose molto imprecise.

          e comunque seguiremo con attenzione, come tutti, la faccenda…

          – il sito che mi hai segnalato e` molto utile, grazie.

          quanto alla caduta dell’euro nel cambio col dollaro puo` preoccupare solo chi viaggia… :), per tutti gli altri e` vantaggioso, dicono…

          del resto, quando e` nato l’euro valeva 0,80 dollai; quindi puo` farne ancora di strada al ribasso!

          • ma tanto dell’autista si sono già dimenticati.

            beh che dire. Ce l’hanno fatta. 88 mila persone e tre giorni. Ma che facevano se erano più di tre? Incredibile la libertà di movimento che hanno avuto.

            • Credo finalmente di avere capito la storia della carta di identita: non strani complotti dietro come siamo abituati a pensare ma il bisogno di coprire un errore dei servizi. Se hanno potuto identificare tanto presto almeno due colpevoli come mai non li tenevano già sotto controllo?

              Per il resto ci raccontano quello che vogliono.

  1. La prima ipotesi sarebbe, semplicemente, che nell’impossibilità di arrestare i veri colpevoli hanno preferito trovare dei capri espiatori, che tanto li uccideranno prima che possano parlare e quindi se anche erano innocenti (di questo specifico crimine) non potranno mai provare la loro innocenza.

    La seconda è che sapessero che sono stati loro, per esempio perché avevano delle informazioni, ma non possono dirlo altrimenti gli si direbbe Perché non li avete fermati prima. Credo che questa seconda ipotesi sia la più probabile.

    La terza, poi, è che gli attentatori abbiano messo la carta di identità apposta della serie: Venite a prenderci, vi abbiamo preparato tutto per una lunga battaglia nel posto dove verrete a cercarci, che è quello che aveva fatto Merah nella propria casa.

    La quarta, che pero’ escluderei, è che gli attentatori la abbiano messa per dare la colpa a qualcun altro.

  2. ma va… questo mi ricorda le bombe nei palazzi in Russia del 99… ora vedrai che Le Pen avrà il suo cavallo ceceno

    • non voglio cadere nel complottismo, ma decenni di delitti di stato mi inducono a rizzare le antenne e ritengo che il dubbio sia sempre salutare, se evita di farsi passare a sua volta per certezza.

      il paragone che fai con la campagna terroristica svoltasi a Mosca nel 1999 e costata 293 morti e` piuttosto illuminante.

      anche se allora non si raggiunse nessuna certezza, vi fu chi disse che gli attentati servivano a preparare l’invasione della Cecenia e a sostituire Yeltsin con Putin: scenario piuttosto plausibile (non mi pare si possa dire di piu`).

      se l’analogia regge ce lo diranno i prossimi giorni: in questo caso l’attentato non dovrebbe restare isolato e non sarebbe difficile scorgervi dietro i nemici dell’Unione Europea, che preparano l’ascesa al potere della Le Pen in Francia e quindi la fine della medesima Unione.

          • con 9 milioni non paghi solo tre assassini, specialmente se li scegli cercando tra qualche frangia estremista (perché tanto li conoscono tutti, come i mafiosi in Italia). Questi sono già in qualche casa sicura (sede di partito?) e entro qualche giorno saranno spariti.
            Vedrai

            • caro Francesco, al momento pare che i dubbi compllottisti siano pienamente smentiti.

              pero` aspettiamo di capirci di piu`.

              insomma, al momento l’autista e` stato individuato a vanvera, i due killer invece non sarebbe stato difficile farlo, dato che avevano lasciato la carta di identita` i n macchina…

              e vabbe`.

              leggo in un altro blog che non c’e` nulla di strano se si e` trovato questo documento nell’auto, visto che New York nelle rovine delle torri gemelle si e` trovato il passaporto di un dirottatore.

              raramente ho incontrato una simile mancanza di buon senso: il passaporto e` necessario per imbarcarsi sull’aereo, mentre la carta di identita` sul sedile no.

              e quando ho letto ieri che la CIA ha dichirato che ci sarebero stati nuovi attentati non sono stato sicuro se fosse una previsione o una minaccia.

              comunque fra poco noi diffidenti dovremo ammettere che i nosttri dubbi erano infondati (anche se sempre utili lo stesso).

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...