Tsipras e il padrenostro: rimetti a noi i nostri debiti… – 81.

un’Europa dalle radici cristiane…, dove ogni giorno nelle chiese si recita il padre nostro:

E rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori. 

la frase campeggia all’inizio della seconda parte.

per millenni non e` stato immorale non restituire i debiti.

anzi, la cultura ebraica antica prevedeva addirittura la loro periodica cancellazione ogni cinquant’anni, come forma di culto a Dio.

* * *

per migliaia di anni immorale e` stato richiedere un interesse sul denaro prestato.

nessuno ricorda Dante e il canto XVII dell’Inferno?

pretendere di guadagnare sul denaro prestato e` USURA, secondo lui e secondo la morale cristiana: una violazione gravissima dell’ordine naturale, che colpisce l’arte (cioe` il lavoro, secondo il linguaggio del tempo).

il profitto ricavato dal puro capitale e` pretendere di vivere senza lavorare, e siccome il lavoro e` voluto da Dio, sin dalla maledizione della cacciata dall’Eden, ecco la gravita` di questa violazione dell’ordine principale dato da Dio all’uomo: ti guadagnerai il pane col sudore della fronte, cioe` lavora!

e, se non Dante, settecento anni fa, Ezra Pound, il secolo scorso?

* * *

ma l’interesse e` il compenso per il rischio, dissero gli apologeti, quando l’interesse comincio` a diffondersi anche nel mondo cristiano e non essere piu` riservato agli ebrei impuri e maledetti da dio (dicevano allora, e si ricordi Shakespeare e come tratta, nel Mercante di Venezia, Shilock il creditore ebreo che pretende come interesse un pezzo di carne vicino al cuore del suo debitore).

ma ammettiamola per un momento questa giustificazione dell’interesse: ma se compensa il rischio, il rischio prevede anche la perdita.

e se per decenni hai riscosso, alla fine il rischio di una perdita e` coperto dai guadagni precedenti.

* * *

Tsipras vuole tagliare il debito (magari recuperando gli interessi versati)? vuole pagarlo, ma rinegoziando i tempi?, vuole la mano libera per aumentarlo di nuovo?

difficile capire qualcosa nel bailamme odierno.

l’ordine in cui ho esposto le tre ipotesi e` anche il climax discendente del mio interesse per le medesime.

* * *

ma Tsipras e` un populista di sinistra?

be’, allora lo e` anche Obama, che lo appoggia con pubbliche dichiarazioni.

anche il figlio del consigliere eco nomico di Kennedy, Galbraith, che lo sostiene

http://www.repubblica.it/economia/2015/02/09/news/galbraith_ristrutturare_il_debito_giusto_li_aiuter-106851574/

e populista di sinistra dev’essere anche l’OCSE, che lavora con lui ad un piano gestibile.

* * *

il fatto e` che l’azione di Tsipras va collocata in un’analisi mondiale come quella che, da riformista, ha proposto Piketty, ed e` l’irresistibile ascesa della elite degli iper-plutocrati che usano la crisi per saccheggiare la classe media e concentrare sempre di piu` la ricchezza, gia` giunta agli stessi squilibri distributivi del 1914.

non e` col  moralismo che si affronta il problema del debito.

e del resto e` molto facile fare del moralismo al contrario col dire che e` giusto espropriare una quota di ricchezza agli iper-plutocrati, e questo e` veramente morale.

* * *

quel che non si puo` fare e` sbatacchiare Tsipras dalla propria parte, chiedendogli l’alleanza generale con quelli che vogliono uscire dall’euro.

e` l’Europa che deva cambiare e diventare sempre meno una Germania allargata, con buona pace della medesima che si trovera` a fare i conti con l’essere in minoranza nell’Unione.

l’Europa come portabandiera della battaglia mondiale per la riduzione delle iper-ricchezze.

una semplice lotta di democrazia, perche` un’eccessiva concentrazione della ricchezza e` anche un limite oggettivo alla,democrazia.

* * *

se per qualcuno fare debiti e` immorale, occorre ricordargli che per fare un debito bisogna essere in due, come per fare un bambino, e chi punta il dito contro la ragazza che si e` fatta mettere incinta dovrebbe pensare anche al seduttore che adesso rifiuta di accettare le conseguenze.

in altre parole il creditore che ha prestato non e` altrettanto corresponsabile del debito come il debitore che ha ricevuto il denaro?

* * *

non restituire quanto ricevuto a credito e` immorale?

direi soltanto se la restituzione e` possibile.

se e` diventata impossibile, qualcuno ha sbagliato, quantomeno i conti, ed e` il creditore che ora paga pegno.

Annunci

26 risposte a “Tsipras e il padrenostro: rimetti a noi i nostri debiti… – 81.

  1. @ FlavioTS

    sono proprio stufo che i commenti non vengano pubblicati, oppure e` la frequenza con cui il netbook sta andando in crash? due o tre volte l’ora…

    dicevo che, per rimediare, adesso potresti raccontare che hai dovuto occuparti di scudi terminici per fronteggiare l’effetto che ti fanno… 🙂

  2. commento ricevuto:

    Non so se Tsipras riuscirà a rinegoziare, pare che la Germania si opponga fortemente a questa richiesta…
    Colpire tutto il popolo greco per obbligare a diventare “brava” ed “educata” la Grecia, credo sia profondamente scorretto.
    In questo modo si fa morire anche chi ha pagato sempre fino all’ultimo euro di tasse e non ha mai (ne` si è mai fatto) corrompere.
    A chi evade o è corruttore non importa assolutamente nulla del suo prossimo, pensa solo ad arraffare e se chi gli sta intorno se la passa male, peggio per lui.
    Pare infatti che avesse un conto alla HSBC la madre di Papandreu, che per evitare lo scandalo accettò la Troika in Grecia.
    Se dovessi scegliere tra morire per debiti altrui e che mi ha “venduto” o provare a rinascere rinnegando quel debito (con tutte le conseguenze del caso) e rimboccarmi le maniche, credo sceglierei la seconda opzione.

    , http://www.ilgiornale.it/news/economia/sarkozy-ricatt-papandreou-cos-arriv-troika-grecia-1091722.html

    – il resto del commento e` fuori tema.

    • la notizia che la madre di Papandreou aveva un deposito alla HSBC, la banca svizzera al centro delle rivelazioni di Falciani, e` data dal Giornale come notizia certa, e ne viene precisato anche l’importo: 500 milioni di euro (mille miliardi di vecchie lire per chi, come me, ha ancora bisogno di visualizzare le enormita` nella vecchia moneta).

      ricordo che questo Papandreou fu il presidente dell’Internazionale Socialista fino al 2006.

      quel che non puo` essere dimostrato, invece, anche se e` molto plausibile in termini indiziari a prima vista, e` il ricatto di Sarkozy su Papandreou nel 2011 per imporre le politiche economiche di austerity.

      ma qui i conti non tornano del tutto: il mancato default della Grecia risale all’aprile 2010.

      fu in quella data che la Grecia ebbe il primo taglio del debito, che evidentemente era piu` facile concedere a Papandreou che a Tsipras oggi.

      quel che avvenne nel novembre 2011 ha delle importanti analogie con quello che avvenne in Italia in quegli stessi giorni con Berlusconi.

      Papadreou, come Berlusconi, aveva raggiunto un tasso di impopolarita` molto alto, era personalmente ricattabile e alla fine fu sostituito da un uomo dei poteri forti (da noi fu Monti, in Grecia da Papademos, vice-presidente della Banca Centrale Europea, a capo di un governo di grande coalizione.

      il Giornale parla di golpe bianco in Italia a proposito della caduta di Berlusconi; se ne puo` parlare, come anche per Papandreou, precisando pero` che entrambi gli interessati (Papandreou e Berlusconi) lo accettarono volentieri, perche` evidentemente entrambi avevano degli scheletri nell’armadio.

      quelli di Papandreou li abbiamo scoperti, ed e` bello che il nuovo govderno greco abbia deciso una commissione d’inchiesta; quali fossero quelli di Berlusconi, olgettine a parte, non lo sappiamo ancora.

      in ogni caso entrambi (altro parallelismo) appoggiarono il governo che li sostitui`.

      bisogna essere di bocca proprio buona per farli passare per vittime…

      • La difficoltà di farsi capire si fa sempre più pesante…
        Dove avrei fatto passare per vittime questi due che avrebbero dovuto GUIDARE con GIUSTIZIA il loro PAESE?
        Indicami e parole,per favore, da cui hai tratto codesta conclusione; questo, bontà tua, mi aiuterà in futuro ad esprimermi in maniera più chiara.
        Io ho una memoria pessima, metto in conto che pure tu possa avere questo fastidioso inconveniente, ti ricordo che non ho mai votato Berlusconi, ribadisco MAI.
        Nemmeno minimamente simpatizzato per lui, non ho votato neanche la sinistra però; confusa e sempre divisa al suo interno, pareva fosse ricettacolo di persone messesi insieme per gareggiare a chi ce l’ha più lungo.
        Diciamo che per carattere non mi accontento di qualcosa di meno peggio di qualcos’altro pur di avere o pensare qualcosa.
        Solo se trovo risposte veritiere e reali mi butto anima e corpo senza paura, fino ad oggi ho visto molte bugie anche da parte di chi in Europa dovrebbe guidare non solo il suo Paese.
        (Vedi Junker)

        PS: il resto del commento è solo apparentemente fuori tema, se è vero che le donne arrivano prima, i media magari tra qualche anno inizieranno a suonare lo stesso tam-tam

      • forse e` perfino un po’ superfluo precisarlo, perche` si vede anche da se`, ma il mio commento qui sopra analizza esclusivamente l’articolo del Giornale citato nel commento ricevuto e non polemizza con nessun altro.

        salvo chi dovesse sentirsi la coda di paglia, immagino.

        e` Il Giornale che presenta Berlusconi come vittima di un colpo di stato bianco, avvenuto – che strano – nelle stesse ore in Italia e in Grecia.

        dice che Papandreou era ricattabile, ma finge di non accorgersi che palesemente anche Berlusconi lo era, non sappiamo bene perche`.

        ma forse qualcun altro ha sostenuto la stessa tesi nei commenti su questo blog?

        qualcuno mi ha accusato pesantemente perche` ho sostenuto che non esiste un colpo di stato contro il consenziente?

        • Scusa ma il punto su cui volevo mettere l’attenzione non è l’opinione del giornale, l’ho linkato semplicemente per la notizia del conto nascosto della madre del presidente Greco.
          In tutta sincerità, Berlusconi nemmeno l’avevo preso in considerazione. infatti non capivo come tu avessi potuto arrivare alla conclusione che volessi farli passare per vittime.

          Il punto è che la politica si è persa nei meandri del nulla, chi decide tutto è la finanza, secondo questi burocrati il solo valore importante rimasto è la pecunia.
          Ciò che mi premeva di dire è che non si può far morire un intero popolo in nome del denaro.
          Pare che per l’Europa non siano importanti le decisioni prese da un politico quando ricopriva altri incarichi, perché Junker è, nonostante tutto, presidente della commissione europea.

          http://www.corriere.it/economia/15_febbraio_10/hsbc-falciani-dietro-conti-un-banchiere-clienti-vicini-politici-15ed1a38-b0eb-11e4-9c01-b887ba5f55e9.shtml

          http://www.eunews.it/2014/11/06/agevolazioni-fiscali-al-limite-dellevasione-scoppia-il-caso-luxembourg-leaks/24710

          Gli interessi di questa politica quali sono?
          Visto questo, tu davvero credi in una Europa libera dal ricatto della finanza che può liberamente decidere ciò che è meglio per i cittadini?
          Trovi giusto che Sarkozy abbia ricattato Papandreu invece che rendere pubblico lo scandalo?
          Gli evasori di tutto il mondo avevano a disposizione: Lussemburgo il paese dei balocchi delle tasse e poi hanno il coraggio di farci pure la catechesi sulle tasse!
          Ma come dico io, ci dicono che siamo cattivi perché per colpa dell’evasione non paghiamo i debiti, ma a capo dell’unione ci mettono un ex ministro che la favoriva?

  3. hai scritto un borforisma stupendo: te lo rubo subito.

    un cinico ti risponderebbe che la dittatura e` sempre stata la tirannia del piu` forte.

    e del resto nella Grecia antica con la [parola tyrannos si indicava il capo del partito democratico nelle poleis (con le minuscole, eh!)

  4. Non so se Tsipras riuscirà a rinegoziare, pare che la Germania si opponga fortemente a questa richiesta…
    Colpire tutto il popolo greco per obbligare a diventare “brava” ed “educata” la Grecia, credo sia profondamente scorretto.
    In questo modo si fa morire anche chi ha pagato sempre fino all’ultimo euro di tasse e non ha mai (ne si è mai fatto) corrompere.
    A chi evade o è corruttore non importa assolutamente nulla del suo prossimo, pensa solo ad arraffare e se chi gli sta intorno se la passa male, peggio per lui.
    Pare infatti che la madre di Papandreu avesse un conto alla HSBC, che per evitare lo scandalo accettò la Troika in Grecia.
    Se dovessi scegliere tra morire per debiti altrui e che mi ha “venduto” o provare a rinascere rinnegando quel debito (con tutte le conseguenze del caso) e rimboccarmi le maniche, credo sceglierei la seconda opzione.

    , http://www.ilgiornale.it/news/economia/sarkozy-ricatt-papandreou-cos-arriv-troika-grecia-1091722.html

    Come vedi non è tutto come sembra. Giudicare avendo solo parte delle informazioni spesso porta ad avere idee distorte sula realtà.

    Alcune menti (atee e femministe), capaci di pensiero profondo, riescono ancora a leggere delle verità nonostante tutto giochi contro la logica del pensiero dominante, spesso le donne “arrivano” prima.
    Articolo un po lungo ma interessante.

    http://www.ilfoglio.it/articoli/v/125347/rubriche/contro-il-fascismo-di-sinistra-intervista-camille-paglia.htm

  5. questa non è più una democrazia, o meglio è la democrazia dei forti così come la didattura è la democrazia del più forte. In fondo volendo sono tutte democrazie a parole. Ora sventolano la bandiera della guerra per distrarre e per minacciare soluzioni alternative…

    • hai scritto un borforisma stupendo: te lo rubo subito.

      un cinico ti risponderebbe che la dittatura e` sempre stata la tirannia del piu` forte.

      e del resto nella Grecia antica con la parola tyrannos si indicava il capo del partito democratico nelle poleis (con le minuscole, eh!)

      • risposto qui, per non peccare di superbia mettendo mi piace al post che mi hai dedicato 🙂

        diciamo al cinico che il dittatore non può essere tiranno di se stesso. Dia almeno a se stesso la libertà di dire quello che pensa.

          • Sono narcisisti sì, ma non direi che è sempre l’opinione pubblica a volerli tali.

            Ti riferisci all’articolo che mi hai dedicato? Sono sempre più convinto di essere uno spaventapasseri. Insomma questi giorni da quando parlo di scudi termici e shuttle ho avuto un solo lettore, te 🙂

            • ma dai, non e` certamente vero!

              ho visto passare qualche bella fanciulla da quelle parti… 🙂

              certo, se ti sei messo a parlarle di scudo termico, potresti anche averla spaventata 🙂 🙂 🙂

              sul narcisismo dei potenti hai ragione: sembra un prerequisito piu` che una richiesta.

              ma se fosse una proiezione anche questa?

            • se fosse una proiezione allora i dittatori nasceranno presto come funghi.

              se solo avessi scritto una poesia sugli scudi termici… ne avrei conquistate di più 😆

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...