contro la vita di coppia: disclaimer.

formare una coppia stabile con qualcuno non significa soltanto cercare l’amonia sessuale, cioè il soddisfacimento di un bisogno fondamentale nostro come esseri umani.

di questo aspetto siamo prontissimi a renderci conto se funziona bene oppure no e altrettanto disposti a cercare il meglio, se il tempo appanna e logora il rapporto sotto questo punto di vista.

* * *

ma in realtà la vita di coppia consiste anche in un rapporto molto meno evidente e poco curato di solito: stabilendo un legame stabile con una persona accettiamo anche che quella persona influenzi la nostra vita in un modo difficilmente percepibile, ma non per questo meno reale.

la persona con cui decido di vivere e condividere le mie scelte è in grado di esercitare un condizionamento importante sulle nostre scelte.

anche senza che ce ne rendiamo conto, giorno per giorno condurrà una specie di lavaggio del cervello sulla nostra mente (e noi altrettanto, del resto, anche senza volerlo).

mettersi in coppia significa accettare che nasca un nostro io parzialmente nuovo, che sarà in parte anche il frutto della persona con cui stabiliamo una relazione stabile.

* * *

questo dovrebbe renderci attentissimi alle qualità di quella persona e a questo aspetto della vita di coppia.

ben più della soddisfazione sessuale, in se stessa molto piacevole, ma in fondo non determinante degli altri aspetti della nostra vita, questo aspetto della relazione condizionerà le nostre scelte esistenziali e avrà un’influenza determinante, perché potrebbe indurci a decisioni sbagliate, spesso con esiti distruttivi.

* * *

invece siamo fatti in modo che, se la scelta sessuale funziona, tendiamo a mettere in secondo piano ogni altro aspetto e ci accoppiamo volentieri in forma abbastanza stabile con chi ci garantisce una piena soddisfazione su questo piano, senza dare troppa importanza al resto.

questo dovrebbe dirci molto su quello che siamo, in realtà.

Annunci

29 risposte a “contro la vita di coppia: disclaimer.

  1. cosa vuole una donna da un uomo in un rapporto d’amore? beh, essere l’unica e vedere il proprio uomo ( inteso proprio come possesso – “sei mio, sono tua” ) distruggere tutto il resto intorno, amicizie, passioni, interessi personali.
    Quasi quasi sono contenta di non sentirmi affatto donna…

    • ecco, chiara, e grazie allora.

      mi hai spiegato come mai non ho mai costruito un rapporto davvero permanente con una donna, allora.

      questa pretesa di annullamento, che ho subito da mia madre per prima, non l’ho mai potuta accettare.

      e di fronte ad essa la mia liberta` mi e` sempre sembrata piu` importante.

      • Non dico che sia per tutti così. Ma troppo spesso si arriva ad amarsi per necessità e non per puro sentimento. Una necessità di colmare vuoti.
        Troppo spesso si tenta di uniformarci, uomini e donne, ma così non è. Siamo troppo diversi per arrivare anche lontanamente a capirci. La mia soluzione resta sempre l’amicizia, che io vivo come forma di altissima libertà.
        Mi spiace per tua madre: noi mamme abbiamo responsabilità immense.

        • amarsi per riempire un vuoto…

          forse sarebbe meglio esercitarsi a gestire il vuoto.

          non tutte le donne sono fortunatamente cosi`, ma, forse per la tendenza innata a ripercorrere il vissuto, una parte importante di quelle che ho conosciuto era del tipo che hai descritto tu, quello che mi faceva fuggire.

          poi ci stava il controsenso mio: che in fondo sapevo relazionarmi solo con loro, con quel tipo di donne, attraverso il rifiuto di una relazione totalizzante.

          sono sicuro che tu sei una mamma splendida, ma purtroppo l’autoscienza dei propri errori non puo` essere regalata a chi si sente perfetta.

      • Su questo non sono d’ accordo. La pretesa di annullamento è patologica. Anzi, per molti uomini che conosco è la moglie che aiuta ad allargare gli orizzonti. E poi bisogna anche saper stare da soli.

    • diventa facile mettersi sulla via apparente della saggezza dopo una certa eta`.

      anche tu come chiara.

      ma allora la domanda vale anche per te? che cosa e` determinante per una donna nella scelta di un uomo?

  2. Prima ancora di leggere il commento di Chiara ho pensato ” è un pensiero molto maschile”. Perciò sono molto d’ accordo con lei. Non perché le donne siano più buone o più sagge, su questo non si può generalizzare, ma perché restare con un uomo solo per l’ intesa sessuale…sembra davvero qualcosa di distante parecchio da tutte le donne che ho conosciuto. Mentre alcuni uomini che ho conosciuto bene sembravano privilegiare proprio questo. Per me è stupefacente nella sua stranezza un pensiero così : se il sesso va bene è come un dente che non fa male, non ci si pensa e non è impoimportante.

  3. Credo sia un pensiero molto maschile, e avendo viste diverse storie in giro, posso affermare con te la veridicità del fatto. Io vado oltre, sarò ancora più cinica. Non occorre che sia un sesso soddisfacente alle volte, basta che sia sesso. E in quel turbine di ormoni soddisfatti, non ci si accorge di aver perso la testa e se stessi. Arrivando a rinnegare il passato e la propria identità.
    Mah…

    • non so bene; non so se per le giovani donne di oggi sia ancora cosi`, anzi veramente non so nemmeno se fosse davvero come dici tu anche di molte adolescenti di 5o anni fa.

      ma probabilmente e` vero che la soddisfazione sessuale gioca un ruolo molto piu` importante nelle scelte maschili che in quelle femminili.

      ma allora una donna che cosa sceglie davvero in un uomo?

      • Sentirsi capite, potersi fidare, constatare che l’ uomo ha un po’ di intelligenza emotiva e un po’ di buon senso, oltre al senso dell’ umorismo. Questo se si vuole una relazione lunga…lo so, siamo esigenti. Infatti poi non tutte ci sposiamo 🙂

        • mi sembrano tutte richieste ragione voli, che dovrebbero essere soddisfatte anche piuttosto facilmente.

          solo una e` veramente impegnativa, passami la battuta: riuscire a capirvi completamente… 😉

          questo tu dici, dal punto di vista femminile, per una relazione lunga.

          purtroppo dall’altra parte una relazione lunga esige anche una lunga e ripetuta soddisfazione sessuale.

          e la natura maligna ha reso la maggior parte degli uomini facili a stancarsi su questo piano.

          come dice Diamond l’uomo appartiene ad una specie moderatamente poligama, e in realta` molte unioni di coppia reggono soltanto perche`, mentre la donna cerca quello che dici tu, l’uomo, senza farglielo sapere, cerca qualche soddisfazioncella altrove.

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...