la sbobba della buona scuola – 220.

com’e` la buona scuola, recluta?

ottima ed abbondante, signor tenente.

* * *

non mi faccio dettare i temi delle discussioni dalle mode del momento.

ma da esperto del campo, sia pure in pensione da meno di due anni, qui attesto una volta per tutte, che in quel pastone confuso della Buona Scuola non c’e` nulla di digeribile e soprattutto niente che abbia a che fare con i problemi veri della scuola italiana.

quindi non ragioniam di lor, ma guarda e passa.

del resto se si devono commentare titoli come quelli di Repubblica, che annuncia gioiosa Il preside un po` meno sceriffo, o notizie che aggiungono ci sara` un Comitato di valutazione, che esiste nelle scuole dal 1974, meglio evitare di buttare il fiato seuendo una informazione delittuosamente incompetente.

e pervicace nel non consultare mai non dico i presidi in pensione, che hanno meglio da fare, ma gli esperti del problema, e dunque buona soltanto a spargere la confusione necessaria perche` si crei del consenso dove proprio non ce ne dovrebbe essere.

* * *

il collega Raimondo Bolletta, col quale condivido il 90% di quel che scrive sul tema con una passione che io non sento piu`, lo ha gia` fatto, ma butto giu` qui il mio personale punto di vista ricavandolo da una discussione sul suo blog.

e con questo tornero` a parlarne soltanto quando e se ne varra` la pena.

* * *

Bortocal

ciao Raimondo.

da ex-collega e co-pensionato, a me pare che non si possa discutere il nulla con chi e` totalmente inattendibile.

la buona scuola e` un flatus vocis, un puro slogan, nel quale ci sta tutto e il contrario di tutto, dipende dall’estro del momento e dalla forza dele varie consorterie, che manterranno la scuola italiana come e`, cioe` in stato pre-agonico.

sui poteri del dirigente hanno gia` fatto marcia indietro, e il resto si vedrà.

mi pare più importante fare delle proposte noi.

io, come sai, perché mi leggi sul mio blog, ne faccio due:

1. va bene un dirigente con più poteri, purchè sia scelto dalla comunità scolastica nell’albo dei dirigenti sulla base di un programma che deve presentare.

un dirigente elettivo a tempo (un triennio) può essere anche dotato di maggiori poteri, dato che ne risponde.

2. per una scuola del merito occorre cambiare l’esame di stato su modelli europei, con prive scritte anonime pre-selettive, valutate da commissioni provinciali

ciao.

.

Raimondo

Questo mio sfogo mattutino è il seguito di un lavorio che molti di noi ormai fuori dalla mischia stanno facendo, sentendo che questa pseudoriforma potrebbe essere un colpo mortale per una realtà forse fatiscente ma che abbiamo amato e curato e di cui sentiamo profondamente l’importanza.

Sulla tua prima proposta  devo dire che sono quasi d’accordo.

Parlerei di cooptazione e toglierei il programma presentato dal preside, centrerei sul collegio la responsabilità della scelta sulla base di candidature connotate da un curricolo e da un colloquio con una commissione specifica di docenti della scuola che cerca il suo dirigente.

Non si tratta di chiamare un podestà esterno perché il comune non sa eleggere nessuno al suo interno ma di scegliersi a vicenda: io candidato amerei andare in una certa scuola della quale apprezzo qualche caratteristica (ricchezza, bellezza, povertà, organizzazione, fama, laboratori …) e la scuola sceglie la persona che meglio potrebbe far sviluppare le caratteristiche della scuola.

Mi dirai che questo valorizza eccessivamente le differenze, una scuola allo sbando di nullafacenti sceglie un camorrista disonesto e va a picco, una buona scuola sceglie il miglior dirigente sul mercato.

Questo somiglia alla perversione presente nel documento governativo ma alla lunga è in grado di autoregolarsi se le scuole autonome sono vigilate dall’amministrazione e da un sistema burocratico efficiente e se le famiglie imparano a riconoscere ciò che vale nella scuola dei figli.

Una delle evidenze delle ricerche sulla scuola efficace è l’importanza della sintonia tra dirigente e collegio dei docenti.

Sul punto 2 non capisco a quale esami di stato tu ti riferisca, suppongo all’esame di maturità, se è così avrei molto da raccontare.

.
Bortocal

si`, mi riferivo agli esami di stato conclusivi; ne avevo parlato in un recente post descrivendo il sistema del Baden-Wuerttemberg.

gia` che ci sono aggiungo un punto 3. molto importante, che e` quello della verifica almeno triennale della idoneita` all’insegnamento dei docenti; so che tocco un punto esplosivo e che occorre studiare benissimo le forme di garanzia; tuttavia ho visto talmente tanti docenti uscire completamente di testa durante la loro vita professionale, che notoriamente e` molto stressante ed esposta proprio a malattie e stati di disagio di questo tipo, per non parlare di qualche caso di alcoolismo, che credo che si imponga una verifica periodica per l’evenuale destinazione ad altre funzioni meno delicate e strategiche.

quanto all’auto-candidatura del dirigente scolastico al Consiglio di istituto (non certo al Collegio dei docenti, che dovrebbe essere parte della scelta, ma con funzione consultiva), sento l’esigenza della presentazione di un micro-programma, perche` il candidato sia obbligato a dimostrare almeno una pre-conoscenza della scuola che richiede, e perche` la scelta sia meno personalistica e i risultati piu` verificabili.

mi rendo conto del rischio di una distribuzione qualitativa dei dirigenti nelle scuole considerate piu` prestigiose; tuttavia dei correttivi potrebbero essere trovati in sede di riconoscimento premiale dei loro risultati, che dovrebbero ovviamente essere comparativi, per cui le scuole gia` buone difficilmente potrebbero permettere performance troppo positive dei dirigenti.

Annunci

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...