gardensharing: una proposta concreta – 267.

* * *

proprio ieri mi sono imbattuto in questo postL’erba del vicino è sempre più verde: il gardensharing!

ve ne leggo un passaggio:

Quanta terra incolta potrebbe essere messa a disposizione di chi non ce l’ha ma vorrebbe coltivarla?

Quante persone dalle risorse limitate potrebbero ottenere una seppur minima auto-sufficienza alimentare e impiegare il proprio tempo in modo più produttivo?

Quante persone anziane con tanto tempo libero saprebbero come coltivare ortaggi e sarebbero felici di mettere a disposizione le loro conoscenze con degli aspiranti contadini della domenica?

In altri paesi questa domanda se la sono già fatta, e hanno trovato una soluzione al passo coi tempi.

Nel 2009 lo chef televisivo inglese Hugh Fearnley-Whittingstall, molto impegnato nel divulgare l’agricoltura e l’alimentazione biologica, all’interno del suo programma televisivo River Cottage, lanciò un’iniziativa il cui obiettivo era mettere in contatto chi aveva un terreno da mettere a disposizione – piccolo o grande non importa -, chi aveva voglia di metterci mano, ma anche chi poteva prestare attrezzi o saperi.

Il tutto, ovviamente, in forma gratuita.

Le potenzialità di internet hanno reso l’idea molto più efficace e diffusa, al punto che la piattaforma Landshare, tra Regno Unito, Canada e Australia conta oggi quasi 75.000 membri.

landshare

E in Italia?

Ancora niente.

O forse no.

Esistono ovviamente molte iniziative di associazioni, privati cittadini e amministrazioni comunali che mettono a disposizione appezzamenti da coltivare, ma manca ancora una piattaforma internet che sia in grado di far incontrare in modo efficace domanda e offerta.

* * *

io stesso il mese scorso, nelle due settimane che ho dedicato ad esplorare i dintorni di Stuttgart, mi sono reso conto dell’enorme importanza che ha nel mondo tedesco tenere un orto.

orti e giardini coltivati dagli abitanti della citta` la circondano a centinaia offrendo loro un contatto con la natura non artificioso e turistico e ben piu` rigeneratore.

sharedearth

* * *

ecco una bella idea, mi sono detto: peccato che Krammer, che stava lavorando ad un progetto analogo, non passi piu` da queste parti da un po`, ma potrebbe creare un settore specializzato in questa direzione nella piattaforma che stava preparando.

ma poi, mi sono detto, non posso io stesso fare qualcosa di piu`?

la settimana scorsa ho aggiunto ai 2.000 mq della mia casa di montagna altri 1.500 mq: il terreno disponibile non e` poi molto, ma in una bella posizione panoramica, a 750 metri di altezza e ben soleggiato, anche se infestato dai lumaconi.

(un post a parte dovrebbe essere dedicato alla loro scoperta: la divina provvidenza ha inventato anche le mosche le zanzare e i lumaconi in un momento di umore nero; e la lotta contro di loro e` una impresa che meriterebbe di essere raccontata; per ora il rimedio piu` efficace, anche se alcoolicamente dispendioso, si e` rivelato distribuire bicchieri pieni di birra infossati nell’orto: le lumache imbriagone ci cascano dentro e fanno la migliore delle morti immaginabili: un annegamento etilico).

insomma, detto in parole povere, qualcuno vuol venire a coltivare il mio terreno per puro divertimento, trattenendosi quel tanto che riesce a produrre?

sara` poco: l’ambiente e` anche ostile, ma e` importante anche questa stessa esperienza della natura che sta sulle sue.

* * *

naturalmente, dato che sono a 50 minuti di macchina dalla citta` piu` vicina (ma a 20 minuti dal lago di Garda e da quello d’Idro) l’esperienza dovrebbe essere condotta in forma residenziale per qualche giorno.

ovviamente il soggiorno sarebbe gratuito: occorre solo portarsi lenzuola, coperte e suppellettili personali, condividere le spese di vitto e delle eventuali escursioni, prepararsi da mangiare assieme e condividere le pulizie in un ambiente spartano che conserva le caratteristiche di una casa datata.

nella casa e` esclusa la televisione, ma vi e` un discreto collegamento internet e il telefono fisso.

sono garantite appassionate serate di discussioni dal vivo.

chi fosse interessato potrebbe inoltre partecipare al progetto di creare un centro di documentazione dei blog in Italia.

ho al momento a disposizione due camere matrimoniali e una cameretta aggregata ad una di queste per bambini piccoli (esclusi i periodi in cui verranno utilizzati dai miei figli), ma con la ristrutturazione che spero di far partire a luglio lo spazio aumentera` di molto per il prossimo anno.

e chiaramente chi si prenota quest’anno acquista un diritto di prelazione per il prossimo… (perche` sicuramente vorrete tornare…) 🙂

ancora piu` bello sarebbe abbinare il soggiorno con la conoscenza di altri blogger

* * *

dunque chi volesse venire qualche giorno da me a coltivare, fare qualche camminata di mezza montagna o scendere ai laghi oppure salire a 2.000 metri sulle montagne circostanti bresciane o del basso Trentino, me lo dica in un commento e lo contattero` privatamente per gli accordi.

Annunci

4 risposte a “gardensharing: una proposta concreta – 267.

  1. Bello vedere che il post in un blog può far nascere idee e progetti. il messaggio messo dentro una bottiglia e lanciato nell’oceano poi da qualche parte è arrivato. Come sia riuscito a finire in Trentino, però, è un mistero. 🙂

    • veramente e` un messaggio nella bottiglia anche questo mio: dall’alto bresciano al confine col Trentino, per l’esattezza.

      per ora ha avuto un solo riscontro per mail:

      “Rispondo con una proposta altrettanto concreta.
      Mi offro come cuoca e sguattera in un periodo utile…
      Nel tempo libero si può fare un corso di cucina: va tanto di moda ed è molto ricercato.
      Pensa come realizzare il forno per le pizze”.

      il forno c’era gia` e serviva alla produzione di pane per il paesino; e` stato provvisoriamente demolito in vista della ristrutturazione, ma per ripristinarlo.

      l’idea del corso stanziale di cucina non mi pare da buttare via.

      naturalmente si potra` passare alla fase operativa vera e propria soltanto l’anno prossimo, dopo la ristrutturazione.

      per ora solo qualche assaggio in via sperimentale.

      comunque, restiamo in contatto per possibili iniziative comuni se ti va. 🙂

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...