reddito di cittadinanza: si puo` fare, parola dell’ISTAT – 281.

l’ISTAT, attraverso il suo presidente, nel corso dell’audizione alla Commissione Lavoro e previdenza sociale del Senato, fa sapere che il costo totale del reddito di cittadinanza, secondo il disegno di legge n.1148 presentato dal Movimento 5 Stelle, sarebbe di circa 14,9 miliardi di euro.

La spesa sarebbe destinata a 2 milioni e 759 mila famiglie con un reddito inferiore alla linea di povertà (10,6% delle famiglie residenti in Italia).

considerando che basta abrogare dall’1 gennaio prossimo i demenziali 80 euro mensili voluti da Renzi e rivelatisi inutili, i due terzi della spesa sarebbero gia` coperti e con un impatto sociale di ben altra portata.

* * *

dite che la faccio troppo facile e che comunque resta ancora una bella cifra?

per la copertura dei restanti 5 miliardi, volgerei l’attenzione alle spese per nuovi armamenti (https://bortocal.wordpress.com/2015/05/26/spesemilitari-contro-il-nemico-sbagliato-255/),

sono giusto 5 miliardi di spese annue.

non dico che si debba scegliere il totale disarmo unilaterale, ma tuttavia una riduzione della spesa in questo campo e` fattibile.

e Renzi l’aveva prure promessa al tempo della primarie, per quel che valgono le sue sparate.

* * *

dico questo limitandomi ad una riflessione sulla fattibilita`, che c’e`, se ci fosse anche la volonta`.

il vero problema, semmai, e` la copertura dei tagli alle pensioni dichiarati incostituzionali, che sembra entrare in conflitto con questo quadro: ma vi si dovrebbe provvedere con una rimodulazione della fiscalita` generale.

alla Corte Costituzionale pende anche il giudizio sulla legittimita` del  blocco a tempo indeterminato degli stipendi del pubblico impiego…

qualcuno si rende conto che stiamo facendo pagare gli interessi del debito accumulato dallo stato ESCLUSIVAMENTE a pensionati e pubblico impiego?

dite che non si puo` fare diversamente?

un’azione europea per la riduzione del debito, detraendo in conto capitale gli interessi pagati negli ultimi vent’anni, risanerebbe tutto.

* * *

sono un facilone lo so, fate venire avanti i professori universitari che ci spieghino che queste prospettive non stanno in piedi.

che le tasse non devono pagarle imprenditori e banche sui profitti, ma chi lavora oppure ha lavorato.

ci dessero la facolta` di cacciare a pedate nel didietro i lavativi e gli incapaci cronici annidati negli impieghi statali, anziche` convincerci che la cosa migliore da fare e` pagarli poco…

e in ogni caso affrontare il problema della poverta` e` un dovere sociale indiscutibile: ragioniamo bene sul come, ma non venite a dire che non ci sono i soldi…

detta senza tanti fronzoli o tecnicismi, vero?

Annunci

Una risposta a “reddito di cittadinanza: si puo` fare, parola dell’ISTAT – 281.

  1. Pingback: se #80euro vi sembran troppi – 263 – cor-pus 15·

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...