il terzo maro` – 327.

* * *

l’uomo di 31 anni accusato di avere violentato una ragazza di 15 di notte a Roma, dopo averla fermata con un inganno, non e` semplicemente un militare, come hanno dovuto ammettere a denti stretti i media che avevano gia` provato a cominciare a parlare di extra-comunitari.

e` propriamente un maro`.

scommetto che non lo sapevate, come neppure lo sapevo io, se non mi fossi abituato a rastrellare la rete per bene.

* * *

e` in servizio sulla nave Grecale, impegnata – tenetevi forte – in azioni anti-pirateria.

cinque mesi contro i pirati del Corno d’Africa.

eh gia`, la zona e` proprio quella degli altri due.

peccato non si fosse sfogato in India, il terzo maro`, ora l’Italia avrebbe un eroe in piu`.

* * *

dice il Corriere:

Lo descrivono sicuro di sé, freddo e con la passione per il rischio.

il rischio degli altri, anzi delle altre.

sulla Grecale c’e anche stato uno scandalo di recente, per molestie sessuali contro delle marinaie.

bella idea quella di mettergli delle donne a bordo.

almeno una volta queste tentazioni a bordo non c’erano, e se proprio occorreva i marinai si sfogavano fra loro…

Advertisements

13 risposte a “il terzo maro` – 327.

  1. @ Raphael Pallavicini

    ti garantisco che cavallette e locuste (mangiate per ultimo in Laos l’anno scorso) sono una vera prelibatezza, del tutto paragonabile ai nostri gamberetti e forse persino piu` gustosi.

    invece ammetto che gli scarafaggi, offerti fritti sulla pubblica via nel nord della Thailandia, sono una vera prova di coraggio e anche di tolleranza d4elle papille gustative.

    nell’India del sud, rigorosamente vegetariana, ma poi con ristoranti semi-clandestini dove si puo` mangiare carne e bere alcoolici di nascosto, inorridiscono all’idea che noi mangiamo il cavallo, perdipiu` crudo.

    uccidere un agnellino non e` molto diverso dall’uccidere un cane (ne vendevano anche al mercato, nel nord del Laos): la recente campagna di molti blog contro la festa cinese della carne di cane e` stato un bell’esempio di razzismo inconsapevole.

    chissa` se in Giappone si sognano di fare manifestazioni per salvare i nostri coniglietti.

    • ho letto anche questo, in effetti.

      ma conosco anche diverse persone davvero stimabili che vengono da quelle parti… 🙂

      ma forse tu parlavi dell’onorevole Cosentino, vero? 🙂

      • Anch’io conosco qualche pecora bianca che viene da lì, ma da buon reggino i cosentini non mi affascinano molto 🙂

          • nono, mai fare questo errore, mai mai 🙂
            Vorrai mica sentirti dare del bergamasco, vero? 😉

            • assolutamente no, tanto piu` che sono veneto, anzi trevigiano, per l’esattezza, e ci tengo molto a distinguermi sia dai padovani, generalmente inaffidabili, anche se gran dotori, sia dai veronesi, effettivamente tuti mati…

              dei trevigiani sai che si dice? gran signori…

              da non confondere ne` coi vicentini magna-gati ne` coi venexiani caga-in-aqua.

              (la x come grafia della doppia ss fa parte dell’ortografia della lingua veneta, eh?) 🙂

                • eh no, posso giurare sulla tua testa che tra i veneti soltanto i vicentini mangiano i gatti (come i cinesi i cani)… e neppure tutti (come neppure tutti i cinesi i cani) 🙂

                    • non lo so: io a Beijing, guidato da mia figlia che sa leggere le insegne, sono riuscito ad arrivare soltanto a un ristorante dove si mangiavano i cani…

                      per la cronaca la carne ha un tale sapore di faraona che ho dubitato che fosse una “tipica frode cinese”, eh eh.

                    • Molti occidentali inorridiscono davanti all’usanza cinese di mangiare carne di cane. Allo stesso modo i giapponesi rimangono basiti dalla orrenda pratica di mangiare i conigli che nella cultura giapponese sono l’apoteosi dell’animale da compagnia carino (chotto mi pare si pronunci).
                      Paese che vai usanze che trovi. Immagino che in Cina avrai mangiato anche le cavallette che mi dicono essere molto saporite. AFAICS mangiano anche gli scorpioni ed avrei qualche problema ad assaggiarli anche se dovrebbero essere simili ai crostacei.
                      Gli australiani nativi mangiano anche le larve d’insetto. Vive. Ecco per quelle immagino che dovrei avere tanta fame…. ☺

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...