confusionale: la mia rassegna stampa del 25 agosto 2015 – 403.

. . .

1. puttanate del giorno da non leggere assolutamente:

1. 1. lo stato confusionale di Lapo Elkann condotto all’interno di un’abitazione ove era stata creata ad arte una situazione compromettente e poi fotografato per ricattarlo, secondo il giudice delle indagini preliminari che ha condannato gli estorsori: volevano dire ubriaco fradicio, ma di un Agnelli non sta bene farlo.

e che il Lapo sia ubriaco non e` una notizia, a meno che non si intenda dire che non e` fatto anche di altre droghe diverse dall’alcool.

1. 2. i maro`, passati dalla giustizia indiana a quella dell’Onu, Tribunale Internazionale per il diritto del mare (International Tribunal for the Law of Sea): l’unico sito che vi spiega per bene perche` non e` successo niente che non fosse gia` compreso nella decisione italiana di fare ricorso e` questo stesso (citazione autoreferenziale 🙂 ), L’ALFABETO DELLA QUESTIONE MARO` – 401.

per capirci qualcosa di piu` e avere un quadro piu` completo bisogna comunque leggere i giornali italiani di opposizione al governo:

“Stiamo ancora studiando la sentenza in dettaglio, ma è chiaro che il tribunale (di Amburgo) non ha preso in considerazione le due richieste presentate dall’Italia”, dice il portavoce del ministero degli Esteri indiano.

. . .

2. notizie da leggere effettivamente per essere informati:

2.1. ovviamente anche oggi il crollo che continua della borsa di Shanghai: adesso siamo arrivati davvero al 1929 bis; finora era stato soltanto un assaggio.

042648835-b563cbe5-5cf1-40e7-8ab2-f8461c97bbab

2.2. ricatti e suicidi per la divulgazione dei dati dal sito per incontri sessuali Ashley Madison, che per il Corriere diventa cattolicamente il sito per fedifraghi: drammatico assaggio dei rischi legati alla totale perdita di privacy provocata da internet.

Puoi parlare con i nostri qualificati consulenti investigativi per capire come quali informazioni incriminanti sono disponibili online. E che potrebbero rovinarti la vita, dice la mail che ricevono i malcapitati iscritti al sito ora sputtanati.

. . .

3. notizie veramente importanti date dalla stampa italiana controvoglia:

3.1. a Milano su circa 670 mila contribuenti Tari circa il 50% non ha mai inviato la comunicazione a quasi tre anni dall’entrata in vigore dell’obbligo di farlo (istituito con la Tares).

lo si legge in un articolo del Corriere che in realta` critica invece il Comune per avere richiesto i dati esclusivamente via fax, escludendo l’invio per mail.

ciliegina sulla torta le dichiarazioni degli addetti: 

il Comune di Milano non ha in programma di comminare multe ai cittadini. fessi i rispettosi della legge?

forse, state attenti, pero`:

Almeno per il momento. La legge concede all’amministrazione comunale anche di sanzionare chi non ha ancora fatto la comunicazione. Potremmo farlo.

l’epoca delle grida a Milano non e` ancora finita: c’erano a inizio Seicento, ne parla Manzoni duecento anni dopo e altri duecento anni dopo siamo ancora li`, con un Comune che fa buuu a chi non rispetta la legge.

.

4. articoli che consiglio:

4.1. La giustizia che si deve ritrovare di Sabino Cassese, uno dei possibili presidenti della repubblica sei mesi fa: un’analisi molto chiara dei mali della giustizia italiana:

La qualità delle leggi pessima (ma nessuno se ne dà carico). Gli avvocati troppi (ma continuano ad aumentare).

. . .

5. e per farsi due risate:

5. 1 un articolo, per la verita` vecchiotto, di Paolo Crepet, Psichiatra e Scrittore, come si definisce lui sul Fatto Quotidiano, che e` come dire oste e avventore, a proposito della Levato, la mamma che comincio` a sfregiare i suoi vecchi fidanzati o a cercare di evirarli quando seppe di essere rimasta incinta, per purificarsi, diceva lei – altro argomento oramai da evitare assolutamente nelle nostre letture:

La perizia psichiatrica effettuata sulla ragazza esclude in modo chiaro una sua incapacità di intendere e di volere, dunque Martina era ed è pienamente sana dal punto di vista psicologico.

ed e` qui che mi pare che torni bene la prima parola del mio titolo di oggi.

in Italia non solo gli avvocati ma perfino gli psichiari sono buonisti.

Advertisements

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...