senza censura? – 418.

. . .

c’era una volta un sito che si chiamava Senzacensura.eu.

mi scappa da ridere a leggere che e` stato chiuso dalla polizia postale.

magari qualcuno pensa, visto il titolo, che quel sito avesse contenuti pornografici.

e il sottotitolo? Il blog senza peli sulla lingua.

ma no, il sesso non e` piu` tabu`: ecco un risultato del Sessantotto completamente fuori discussione, anche nella destra.

qualcuno fa lo spiritoso e dice che il Sessantotto ha liberalizzato il sessantanove.

comunque la pornografia e` oramai entrata nella vita quotidiana dell’Occidente post-sessantottino.

no, la vera pornografia oggi e` altrove: e` quella dell’odio, mica quella del piacere.

. . .

senza censura era una volta un’idea di sinistra: nel mondo fascisteggiante degli anni Cinquanta, arrivo` il grido libertario dei mitici Sessanta; no alla censura fu uno slogan del Sessantotto.

poi vai a capire che cosa e` cambiato: se era una rivoluzione, il Sessantotto falli` e non prese il potere.

ma non era una rivoluzione politica tradizionale, era una rivoluzione culturale.

e il Sessantotto ha vinto su questo piano.

lasciate pure che ne parlino male, ma il mondo non sarebbe com’e` senza il Sessantotto.

perfino la destra oggi e` inconsapevolmente sessantottina.

oggi chi protesta contro questo mondo diventato tollerante e` necessariamente soltanto un neonazista o un fascista.

e qui sorge il problema.

. . .

quel sito istigava al razzismo.

notizie inventate, riprese da migliaia di utenti sui social network.

nella societa` post-moderna del narcisismo trionfante e` cambiato radicalmente il ruolo di quella che una volta si chiamava informazione.

oggi la rete fornisce non le notizie delle cose come stanno, ma delle cose come a te sta bene che siano: e` molto piu` interessante.

il blog senzacensura.eu svolgeva questa fondamentale funzione sociale di fornire ai razzisti nostrani le notizie di cui hanno bisogno per coccolare il loro io malato.

era un supermercato della notizia che piace, non importa che sia vera.

uno scoop dietro l’altro:

“Quattro tunisini stuprano la moglie e poi uccidono il marito a sprangate”

“Catania, 15enne bruciato vivo. Massacrato perché cristiano”

 “Nigeriano stupra madre e figlia, al marito getta l’acido sul pene”.
.
. . .
.
qualche anno fa, all’inizio della mia attivita` di blogger, mi capitava di scontrarmi abbastanza spesso con altri colleghi, chiamiamoli cosi` sul tema della censura nei blog.
.
io difendevo e difendo il diritto di una societa` democratica di difendersi da chi e` anti-democratico.
.
le liberta` non sono garantite a chi vuole distruggerle, la democrazia non e` masochista.
.
mi davano addosso in tanti, e il capofila era decisamente una persona intelligente, anche se dalla mente contorta, come spesso accade ai troppo intelligenti.
.
ha fatto carriera, oggi e` uno scrittore relativamente affermato, e` perfino entrato tra i candidati al Premio Strega.
.
un obiettivo a cui ha nevroticamente sacrificato tutto, a partire dalle relazioni umane.
.
e, oggi che lo ha raggiunto, lo trova veramente deludente, come tutti gli obiettivi nevrotici, che dovrebbero compensarci di qualcos’altro.
.
oh, come e` bfravo a descrivere il vuoto della sua frustrazione, adesso.
.
bene, lui era il capofila di una campagna di denuncia del mio presunto fascismo perche` volevo censurare i fascisti.
.
non le normali espressioni di opinione contrarie alle mie, badate bene, ma l’aggressione mediatica, l’insulto, la calunnia, la diffusione di notizie false.
.
insomma il fascismo applicato all’informazione, dove la notizia inventata e` l’equivalente del manganello di un secolo fa.
.
la tesi che mi veniva opposta era che la famosa gggente era perfettamente in grado di distinguere e che dunque il manganello mediatico no faceva male (soprattuto a lui, visto che veniva applicato ad altri).
.
non credo ci credesse neppure lui a questa tesi palesemente falsa: il suo vero problema e` che doveva strizzare l’occhio da quella parte, come poi si scopri` che effettivamente faceva.
.
il suo problema era di non inimicarseli, i fascisti e i neo-nazisti, come pubblico potenziale che poteva contribuire al suo successo editoriale.
.
bene, ne parlo perche`, in grande, il sistema editoriale attuale di diffusione delle notizie funziona esattamente alla stessa maniera…: non deve scontentare nessuno.
.
. . .
.
leggo che quel sito di istigazione all’odio razziale e` stato chiuso e per fortuna ho ancora la legge dalla mia parte, ma per quanto tempo sara` cosi`?
.
quel blogger e` stato denunciato e verra` fortunatamente processato.
.
ma a quanti altri, a livello minore, non andra` cosi` e potranno continuare a propalare senza ostacoli stupidaggini di tutti i tipi, come se la comprensione delle cose, l’informazione autentica non valessero niente?
.
e comunque anche la legge deve giustamente fermarsi alla soglia del vero e proprio delitto, della istigazione al reato.
.
ma pare che uccidere l’intelligenza e l’informazione autentica non sia un reato.
.
e del resto una censura che varcasse questa soglia non e` effettivamente accettabile e creerebbe ancora piu` danni.
.
. . .
.
e allora?
.
che futuro ha l’informazione in un sistema dei ricavi pubblicitari che premia i clic, qualunque sia il contenuto e senza nessuna verifica delle fonti?
.
si puo` pensare ad un sistema informativo gestito diversamente?
.
a me pare urgente farlo: la degenerazione del clic compulsivo sta avvelenando anche la stampa seria e ci sono giornate in cui si pensa che anche qualche grande testata andrebbe sanzionata per istigazione all’odio e le notizie che pubblica sono quasi altrettanto farlocche di quelle di senzacensura.eu.
.
ma come?
.
io mi sento di dire soltanto che il cuore del problema sta in un sistema informativo sottratto al mercato.

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...