Senato senza rassegna stampa – 444.

. . .

perche` ho sospeso rapidamente la mia rassegna stampa giornaliera inziata meno di un mese fa?

a parte l’impegno, forse troppo forte per una persona sola, e` difficile fare una rassegna stampa, quando la stampa non c’e`.

e qui per stampa intendo proprio il Quarto potere, quello di Orson Welles.

il genio che aveva descritto con decenni di anticipo il perverso controllo economico sui media, che ne fa l’espressione del potere che riassume gli altri tre (legislativo, esecutivo, giudiziario): cioe` di quello economico.

. . .

ecco le riflessioni che mi fanno dubitare di continuare la mia rassegna.

pero` il mio giudizio potrebbe apparire esasperato ed unilaterale.

allora oggi faro` un solo esempio:

In commissione la presidente Finocchiaro ha spiegato che i circa 2.800 emendamenti all’articolo 2 del ddl Boschi saranno considerati inammissibili perché il disegno di legge è stato votato “in doppia lettura conforme” sia al Senato sia alla Camera.

L’articolo 104 del regolamento di Palazzo Madama, infatti, permette di presentare emendamenti solo nelle parti del testo toccate da modifiche della Camera.

Pertanto, le modifiche ai testi approvati con doppia seduta conforme sono modificabili solo se c’è l’accordo di tutti i gruppi parlamentari.

cosi` Repubblica ci informa, cioe` forma la nostra mente, sull’attuale dibattito al Senato.

brava, fa il suo mestiere.

ma che senso ha riportare quel che dice la Finocchiaro senza dire contemporaneamente che la medesima mente in maniera plateale, come puo` verificare chiunque?

testo dell’art. 2 approvato al Senato (prima lettura):

La durata del mandato dei senatori coincide con quella degli organi delle istituzioni territoriali nei quali sono stati eletti.

testo dell’art. 2 approvato alla Camera (prima lettura):

La durata del mandato dei senatori coincide con quella degli organi delle istituzioni territoriali dai quali sono stati eletti.

sono testi conformi, come dice la Finocchiaro?

no, come e` evidente, il significato cambia completamente, anche se e` stata cambiata soltanto una preposizione (ne ho parlato in maniera piu` approfondita qui).

. . .

arriva a rincalzo l’Huffington Post, l’inserto virtuale di Repubblica:

Certo, confidano nella cerchia del premier, Grasso non potrà opporsi alle ragioni della Finocchiaro che in commissione non ha ammesso gli emendamenti all’articolo della discordia.

Sarebbe un “conflitto istituzionale, Grasso non lo farà”, confida il costituzionalista Stefano Ceccanti.

ma come si fa a dare queste “informazioni” e a non dire che la Finocchiaro non riunira` la Commissione percche` e` chiaramente in minoranza?

che conflitto istituzionale puo` esserci con una presidente che non rappresenta l’organo istituzionale che presiede, ma solo se stessa e Renzi?

ed e` un altro ex-magistrato: bella tempra.

questi non sono giornali: sono porta-veline.

basta vedere che razza di pastoni sono le loro cronache politiche: storie fastidiose e ripugnanti di intrighi, dove non c’e` mai un riferimento puntuale e competente, cioe` realmente informato, al merito delle questioni.

. . .

allora una stampa che non adempie al compito elementare di dare queste informazioni di base, che stampa e`?

potrebbe essere utile, da parte mia, continuare la rubrica (una specie di riedizione giornaliera della vecchia mitica rubrica sessantottina DA LEGGERE/DA NON LEGGERE dei Quaderni Piacentini?), ma soltanto a condizione che la rassegna riguardi soltanto la stampa che puo` davvero considerarsi tale…

gia`, ma dove trovarla questa stampa?

e in particolare nell’Italia di oggi, un paese che ha oggi il suo Renzan, come la Turchia ha Erdogan e l’Ungheria il suo Orban o la Russia Putin: i nostri veri punti di paragone.

salvo che fra tutti la Turchia ci batte di gran lunga per amore della liberta` politica.

. . .

nelle societa` moderne il potere economico e` di fatto diventato l’unico potere assoluto.

(e sono TUTTE le societa` contemporanee, qualunque sia il nome che si danno, anche di comunista – definizione che oggi riguarda soltanto le forme del potere politico, ma non di quello economico, e che dunque farebbe rivoltare nella tomba tutti i comunisti della storia). 

e l’informazione stessa e` dunque diventata l’espressione del dominio dell’economia, solo in apparenza e per frammenti libera.

la definizione critica del quarto potere, data da Orson Welles – il Michelangelo della storia del cinema – nel suo capolavoro del 1941, venne poi adottata dai liberal nei decenni successivi per indicare il potere di controllo che il sistema dell’informazione, al servizio dell’opinione pubblica, puo` esercitare sul potere politico.

il potere dell’informazione e della critica che controlla la politica, cioe` il potere della decisione e della volonta`.

insomma, il potere globale sarebbe articolato attorno a quattro poli, due di decisione (legislativo ed esecutivo) e due di controllo (giudiziario ed informativo).

purtroppo lo schema ignora che al centro di questo gioco dei quattro cantoni ci sta il potere economico, che tutto muove, e in particolare ha il controllo diretto della stampa, che e` alla fine, in questo tipo di organizzazione sociale, soltanto una forma di attivita` economica fra le tante.

. . .

ma se la stampa diventa, al contrario delle illusioni dei liberal, l’espressione del potere, se serve a chi decide per condizionare le menti di chi dovra` subire le decisioni, allora fare da risonanza anche solo critica a questa stampa non rischia di aiutarla nel suo compito?

dopodomani vado di nuovo in Germania per qualche giorno e sospendero` piu` o meno il blog, immagino.

al rientro cerchero` (forse) una stampa che sia davvero tale e vedro` se vale la pena di dedicare tante energie a fare la rassegna di una cosa che al momento in Italia non si vede o si deve cercare col lanternino.

Una risposta a “Senato senza rassegna stampa – 444.

  1. Pingback: Krammer, Sulla democrazia odierna. | Cor-pus·

non accontentarti di leggere e scuotere la testa, lascia un commento, se ti va :-)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...